• Google+
  • Commenta
3 ottobre 2005

A Catania senza cuore

Ormai non fa più notizia una sconfitta dell’Avellino, nella stagione in corso i lupi ne hanno collezionate ben cinque su sette gare. La novità in qu
Ormai non fa più notizia una sconfitta dell’Avellino, nella stagione in corso i lupi ne hanno collezionate ben cinque su sette gare. La novità in quel di Catania è rappresentata dal fatto che stavolta i ragazzi di mister Oddo non ci hanno messo neanche la grinta, il cuore, per sopperire ai limiti tecnici che affligono i biancoverdi dall’inizio del campionato. Al “Massimino” si è vista una squadra rassegnata, mai in partita i biancoverdi non hanno nemmeno provato ad impensierire un inoperoso Pantanelli. Il Catania squadra esperta e ben assortita non ha risentito delle quattro squalifiche, rimediate nella rocambolesca gara di Crotone. La compagine siciliana, padrona del campo per novanta minuti, non ci ha messo troppo a passare in vantaggio, a metà della prima frazione era Jonatha Spinesi a portare in vantaggio i rossoblu trasformando un calcio di rigore. Unica azione degna di nota di marca irpina è un tiro da calcio piazzato del solito Moretti che trova pronto alla respinta il numero uno catanese. Nella ripresa la musica non cambia, Catania a fare la partita e Avellino chiuso nella sua metà campo senza la forza, ne la voglia di pareggiare. Il Catania chiude la gara con Russo che con un bel tiro al volo, su assist di Spinesi, supera l’incolpevole Cecere. La gara virtualmente finisce qui, il Catania controlla mentre l’Avellino già pensa alla più abbordabile gara di mercoledì con il Catanzaro. Non sembra affatto prematuro parlare di scontro salvezza nella gara di Catanzaro che vedrà opporsi due squadre in crisi di risultati, due squadre alla ricerca di un’identità mai trovata, in cerca di quella vittoria che potrebbe dare nuova linfa. Per chi la spunterà potrebbe iniziare un nuovo campionato: Oddo ci proverà e forse avrà a disposizione anche Biancolino che a detta del tecnico irpino è l’uomo che può dare quella spinta decisiva ai biancoverdi. Biancolino a parte, dovra essere l’intera squadra a scendere in campo decisa, carica e cattiva al punto giusto per dare una svolta decisiva al finora più che infelice campionato dell’Avellino.
Antonello Plati

Google+
© Riproduzione Riservata