• Google+
  • Commenta
24 ottobre 2005

Agropoli: emergenza maltempo

Agropoli è stata colpita dalle ore 03:00 del 22 ottobre da un “evento atmosferico di notevole entità su vasta scala” che ha interessato oltre alle areAgropoli è stata colpita dalle ore 03:00 del 22 ottobre da un “evento atmosferico di notevole entità su vasta scala” che ha interessato oltre alle aree del territorio di Agropoli anche le zone limitrofe collinari. L’abbondante acqua ha provocato l’ingrossamento dei fiumi Testène e Solofròne, nonché del canalone Cupa e del canalone Cantalupo, anche a causa della grande quantità d’acqua caduta nelle zone collinare e scesa a valle.
Ad oggi sul territorio sono ancora attivi per gli interventi la Protezione Civile, il Genio Civile, i Vigili del Fuoco, i tecnici della Comunità Montana oltre ai tecnici comunali, alla Polizia Municipale e ai Carabinieri.

Complessivamente sul territorio sono stati presenti questi uomini e mezzi, alcuni dei quali rientrati dal momento che la fase critica dell’emergenza è rientrata:

Vigili del Fuoco
(Comando di Salerno, distaccamenti di Vallo della Lucania ed Eboli, Sezioni operative di Avellino, Benevento e Napoli):
60 uomini
4 idrovore
6 pompe piccole
3 pompe grandi (APS)
2 carrelli sollevamento pompe
10 altri mezzi
Svariata altra attrezzatura

Ditte private
2 Escavatori
3 Bobkat

Protezione Civile di Napoli
3 pompe
2 automezzi

Raggruppamenti locali della Protezione Civile
Innumerevoli uomini, mezzi e attrezzature

Il Sindaco di Agropoli Antonio Domini dichiara «Siamo stati protagonisti di un evento eccezionale, abbiamo immediatamente attivato il COC per il coordinamento di servizi ed assistenza ai cittadini, ad ora siamo fuori dalla fase critica dell’emergenza. La quasi totalità delle abitazioni e di tutti i locali a piano terra e interrati sono stati liberati dall’acqua, rimane da rimuovere il fango, stiamo operando in questa direzione. Siamo stati attivi dalla notte del 22 siamo in emergenza da quasi 36 ore, ma la situazione sembra essere rientrata. Ringrazio tutti coloro che sono intervenuti in nostro soccorso, ringrazio la Regione Campania, il Presidente Bassolino con cui sono stato in contatto diretto fin dalle prime ore dell’emergenza, il suo diretto collaboratore, l’On Andrea De Simone che per conto della Regione mi ha assicurato un concreto intervento per ripristinare nei prossimi giorni lo stato delle cose. Ringrazio, inoltre, il vicepresidente della Regione, l’On Valiante che ci ha assicurato assistenza e solidarietà. Ringrazio l’Assessore regionale alla Protezione Civile, Luigi Nocera, l’Assessore alle Attività Produttive Cozzolino che ci ha garantito un intervento della Regione a favore delle attività danneggiate. Ringrazio, inoltre, la Provincia di Salerno e il Genio Civile, il Prefetto, la Comunità Montana e i Comuni limitrofi che hanno inviato i loro mezzi e personale, Salerno, Pontecagnano. Un ringraziamento va alle soprattutto alle Forze dell’Ordine, alla Polizia Municipale e ai Carabinieri di Agropoli, alla CRI, grazie ai Vigili del Fuoco del Comando di Salerno, ai distaccamenti di Vallo ed Eboli, alle sezioni operative di Avellino, Benevento e Napoli che hanno messo a disposizione mezzi, uomini e attrezzature. Ringrazio inoltre, per il vitale supporto che ci ha fornito, la Sala Operativa della Protezione Civile di Napoli per il coordinamento di uomini e mezzi delle associazioni sul territorio, la Protezione Civile di Capaccio, Eboli e Battipaglia, i loro Sindaci.
Il ringraziamento più grande va ai tecnici del Comune di Agropoli, al personale amministrativo richiamato in servizio per l’emergenza, ai componenti del centro operativo che alternandosi hanno garantito ininterrotta assistenza, nonché ai privati che hanno messo a disposizione mezzi e strutture, oltre a tutti coloro che si sono prodigati per aiutarci a superare questo straordinario e difficile momento. Come Amministrazione, con la Giunta, abbiamo fatto ogni cosa in nostro potere per fronteggiare la situazione, anche scendendo in prima persona sul territorio».
Le località più colpite dalle piogge cadute ad Agropoli alle prime luci dell’alba del 22 ottobre, sono:

Mattine: allagamenti ai piani interrati, piani terra, danni a cose, automobili e attività commerciali
Moio: allagamenti ai piani interrati, piani terra, danni a cose, automobili e attività commerciali
Madonna del Carmine: alcune abitazioni l’acqua e fango hanno provocato il galleggiamento delle auto
Via Lungotestene: allagamenti ai piani interrati, piani terra, danni a cose, automobili e attività commerciali
la zona della 167 (l’edilizia economica e popolare, Viale Lombardia, Via Salvo D’Acquisto): allagati i garage
Via Taverne: dove alcune abitazioni hanno i piani interrati e i piano terra allagati.

Dalle ore 04:00 è iniziata l’emergenza, si registrano solo danni a cose, alle abitazioni, alle attività commerciali, non ci sono né feriti, né morti.

Impiegati i mezzi e il personale di Vigili del Fuoco con le idrovore, i Carabinieri della locale stazione, la Polizia Municipale, presenti anche i mezzi e gli uomini della comunità montana, nonché dei privati reperiti e allertati dal Sindaco della Città Antonio Domini. Predisposto con l’aiuto della CRI un presidio presso il quale i cittadini, impiegati nel liberare le proprie abitazioni dal fango e dall’acqua, possono rifocillarsi e sostare.

Gli allagamenti ai piani bassi hanno provocato una conseguente e temporanea evacuazione per motivi precauzionali degli abitanti dei suddetti edifici.
Hanno straripato i fiumi Solofrone e Vallone Cupa e Cantalupo, nelle abitazioni e nelle attività commerciali circostanti i danni sono ingentissimi.

Richiesto lo stato di calamità per gravissimi danni con delibera di giunta inviata al Prefetto, al Presidente della Provincia di Salerno, al Presidente della Regione Campania.
Il Sindaco di Agropoli ha istituito l’unità di crisi presso il Comune di Agropoli h/24, attivi 2 numeri di telefono per segnalare gli interventi dei VV FF 0974/827 407 – 0974/827 414 fax 0974/821 037.

Il Sindaco di Agropoli dichiara: «Stiamo lavorando da questa mattina alle 4:00, stiamo fronteggiando rapidamente tutte le richieste d’intervento, i tecnici comunali sono al lavoro sul territorio, la Giunta ha deliberato lo stato di calamità. Ringrazio la Polizia Municipale, i Vigili del Fuoco e i Carabinieri. Stiamo lavorando ininterrottamente, abbiamo predisposto un presidio con la CRI per dare pasti caldi e servizi a chi è impegnato a ripulire case e garage.»

Google+
© Riproduzione Riservata