• Google+
  • Commenta
5 ottobre 2005

Il leader di Rifondazione incontra gli universitari

Precarietà del lavoro, sviluppo sociale ed economico, riforma universitaria, primarie ed enti locali: questi i temi affrontati ieri dal segretario di Precarietà del lavoro, sviluppo sociale ed economico, riforma universitaria, primarie ed enti locali: questi i temi affrontati ieri dal segretario di Rifondazione Comunista, Fausto Bertinotti, in un incontro nella cittadella universitaria di Fisciano. È stato Luigi Vicinanza, direttore de “La Città” a pungolare il leader del Prc sul’esclusione dalla giunta De Biase dell’assessore Franco Mari, coordinatore provinciale Prc e organizzatore dell’incontro. «L’autonomia è la principale risorsa del processo riformatore – ha detto Bertinotti – la periferia deve decidere senza dover ricevere direttive dal partito e quindi dall’alto. I processi devono affermarsi peculiarmente senza mettere le braghe, tenendo conto delle effettive evoluzioni, quelle che fanno parte dei processi reali». Ha risposto Bertinotti, possibilista quindi su altre candidature o formazioni, escludendo la necessità in alcuni casi del ripetersi di un modello locale sulla scia di quello nazionale. Ma durante l’incontro si è parlato anche di altro, «delle macerie gettate sulla scuola italiana», degli effetti del «berlusconismo» sul paese e sull’economia. Bertinotti si è espresso, poi, sulla convinzione di uscire vincitori dalle primarie: «mi auguro di vincere ma è prevedibile la vittoria di Prodi». «La vera sfida per l’Unione – ha poi aggiunto – è costruire un’idea dell’assetto economico e sociale del paese, in grado di competere nel mondo».
Marcella Cavaliere

Google+
© Riproduzione Riservata