• Google+
  • Commenta
13 ottobre 2005

Nessuna soluzione per il reparto oculistico dell’A. O. S. Giovanni di Dio

Sanità.
Non c’è soluzione per il reparto di oculistica dell’azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. Ai problemi vecchi si aggiungeSanità.
Non c’è soluzione per il reparto di oculistica dell’azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. Ai problemi vecchi si aggiunge la rottura dell’ecobiometro, l’apparecchio che misura, mediante ultrasuoni le dimensioni del bulbo oculare e delle strutture anatomiche che lo compongono per una determinazione oggettiva del difetto vista, sia esso miotico che ipermetropico. Un’attrezzatura essenziale per gli interventi di correzione della miopia e di cataratta, in assenza del quale, la lista di attesa di quanti avrebbero dovuto essere operati, si è allungata a dismisura.
Redazione Bussola24

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy