• Google+
  • Commenta
7 ottobre 2005

Ossa artificiali di ceramica

L’istituto di scienze e tecnologie dei materiali ceramici (Istec) del Consiglio nazionale delle ricerche e l’impresa spin off di ricerca Finceramica, L’istituto di scienze e tecnologie dei materiali ceramici (Istec) del Consiglio nazionale delle ricerche e l’impresa spin off di ricerca Finceramica, ad elevata tecnologia, entrambe con sede a Faenza, hanno individuato nella ceramica una nuova direzione della ricerca per il miglioramento della vita. Gli studi si sono rivolti ad analizzare la ceramica come prodotto di manifattura artigiana da integrare nel complesso circuito della sanità. L’intervento è volto ad individuare possibili riduzioni delle pene di chi soffre per malattie o sintomi post trauma. I risultati dello studio effettuato hanno riscontrato che la struttura del materiale analizzato è perfettamente equivalente a quella del tessuto osseo e della sua funzione. Questo consente di intraprendere una nuova strada nel settore delle protesi articolari e della pratica chirurgica aumentando il livello di soddisfazione del malato e migliorandone l’aspetto sanitario. Il campo interessato spazia dalle protesi per difetti cranici o traumi invasivi alla sostituzione di parti ossee anche relativamente lunghe. I materiali in precedenza usati a tali scopi non assicuravano un grado abbastanza elevato di sicurezza per quanto riguarda possibilità di rigetto e affidabilità di resa. Con le ricerche e gli studi condotti a due mani da Cnr e Finceramica si è giunti alla certificazione dell’Unione Europea e all’impianto su corpo umano di questi materiali altamente innovativi e biointegrabili.

Google+
© Riproduzione Riservata