• Google+
  • Commenta
5 ottobre 2005

Premi ufficiali della 62^ Mostra del Cinema di Venezia

Anche quest’ anno si è conclusa la maratona cinematografica della laguna,quella che è ormai da anni una delle rassegne più prestigiose a livello interAnche quest’ anno si è conclusa la maratona cinematografica della laguna,quella che è ormai da anni una delle rassegne più prestigiose a livello internazionale, nonchè trampolino di lancio verso il vecchio continente sia per star e bagliori holliwoodiani che per lo stile e la cultura asiatica. Durante i giorni della mostra sono stati proposti film che ci hanno colpito, emozionato, incuriosito e altri invece che ci hanno deluso, turbato, rattristato…lasciando agli appassionati, ai cineamatori e ai botteghini l’ultima parola elenchiamo qui quali sono stati i pareri dei giudici della rassegna…
L’ambito Leone d’Oro per il miglior film è stato assegnato alla “Brokeback Mountain”di Ang Lee; il Leone d’Argento per la migliore regia è spettato a “Les Amants réguliers” del maestro Philippe Garrel mentre il prestigioso Premio Speciale della Giuria è andato a “Mary” di Abel Ferrara. Non è passato inosservato neanche il secondo lavoro di George Clooney “Good Night, and Good Luck ” con cui si aggiudica la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile David Strathairn, mentre quella per la migliore interpretazione femminile va a Giovanna Mezzogiorno per “La bestia nel cuore “di Cristina Comencini. Ancora continua la carrellata di premi con l’Osella per il migliore contributo tecnico che va a William Lubtchansky per la fotografia del film “Les Amants réguliers” di Philippe Garrel; l’Osella per la migliore sceneggiatura assegnata invece alla coppia George Clooney-Grant Heslov per “Good Night, and Good Luck”; l’importante Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente spettato a Ménothy Cesar in “Vers le sud” del talentuoso Laurent Cantet; e il Leone Speciale per il complesso dell’opera che è stato attribuito all’ottima Isabelle Huppert. Questo per quanto riguarda i volti noti del cinema internazionale , ma, la mostra del Cinema di Venezia non è solo megaproduzioni e notorietà, anzi, da sempre è stata vetrina di nuovi talenti e registi emergenti tanto cari e importanti per la fortunata rassegna che gli è riservato un apposito spazio: “Orizzonti”. Premi più significativi della sezione sono stati: il Premio Orizzonti assegnato alla pellicola di Lech Kowalski “East of Paradise”; il Premio Orizzonti Doc assegnato a “Pervye na lune (The First On The Moon)” di Aleksey Fedortchenko mentre per il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” è stato scelto “13 (Tzameti)” di Gela Babluani. Ultima ma non meno importante la sezione per i cortometraggi: il premio Leone Citroën – Corto Cortissimo per il miglior cortometraggio è andato a “Xiaozhan (Small Station)” di Lin Chien-ping e, tornando al nostro continente segnaliamo il Premio UIP per il miglior cortometraggio europeo assegnato a “Butterflies” di Max Jacoby. Oramai al lido “les jeux sont faites”, ma noi appassionati avremo 12 mesi per guardare, giudicare, amare queste pellicole aspettando speranzosi i prossimi sviluppi del cinema mondiale e soprattutto la ripresa di quello italiano.

Google+
© Riproduzione Riservata