• Google+
  • Commenta
21 ottobre 2005

Università degli Studi di Napoli Federico II: nasce MeetMath

Secondo Einstein “la cosa più incomprensibile dell’universo è che è comprensibile” e per capirlo occorre utilizzare la matematica. La matematica non èSecondo Einstein “la cosa più incomprensibile dell’universo è che è comprensibile” e per capirlo occorre utilizzare la matematica. La matematica non è solo uno strumento di comprensione, ma un vero e proprio universo che può essere apprezzato per il suo carattere unico.
Su queste premesse è nata MeetMath, la mostra sarà fino al 31 dicembre a Città della Scienza a Napoli e proseguirà per il Medio Oriente, dove verrà prima esposta al Science Centre israeliano Bloomfield Science Museum di Gerusalemme Ovest (per 9 mesi), per approdare poi all’Università Palestinese Al Quds di Gerusalemme Est, dove costituirà la prima mostra permanente del Science Centre.
“L’impianto espositivo –fanno sapere i responsabili dell’organizzazione- è quello oramai consolidato nell’esperienza e nelle attività di Città della Scienza: una mostra per tutti, in particolare rivolta ai giovani ed alle famiglie, con exhibit interattivi ed attività educative; l’approccio storico sottolineerà inoltre il contributo di civiltà diverse alla storia della matematica”.
Il progetto è co-finanziato oltre che dalla Commissione Europea, dalla Regione Campania e dall’UNESCO ed annovera tra i suoi partners anche l’Università degli Studi di Napoli Federico II. L’iniziativa vuole essere anche un modo per ribadire la necessità del dialogo tra popoli e culture e la funzione universale della diffusione dei saperi in ragione della pace e del progresso.

Google+
© Riproduzione Riservata