• Google+
  • Commenta
24 novembre 2005

Da Hollywood : ”No alle armi”!

Nel luglio 2006,a New York,si svolgerà una conferenza delle Nazioni Unite, di revisione sul Programma d’azione per prevenire e combattere il traffico Nel luglio 2006,a New York,si svolgerà una conferenza delle Nazioni Unite, di revisione sul Programma d’azione per prevenire e combattere il traffico illegale di armi.
In occasione di ciò,le ONG presenteranno ai governi ogni tipo di prova utile a far riconoscere ad essi la loro responsabilità e indurli a firmare il trattato internazionale sul commercio delle armi.
Da troppo tempo vive nell’ombra e si diffonde in tutto il mondo quest’epidemia mortale.
Ogni giorno sono migliaia le vittime, eppure questi oggetti distruttivi proliferano sempre di più,creando un gigantesco mercato, all’interno del quale si muovono enormi quantità di denaro e ipocrisia.”Sul pianeta esiste un arma da fuoco ogni 12 persone, la domanda è come armiamo le altre 11?”-Lord of War.
In tutti i continenti, dalle favelas brasiliane ai sobborghi di New York e Los Angeles, per poi arrivare alle tante varie guerre civili nei paesi meno sviluppati… ovunque è costante quest’ombra.
Nonostante i dati allarmanti delle vite perse e dei danni generali da esse provocati, non esistono ancora leggi internazionali vincolanti per controllare questo import-export di armi da fuoco.
Dal 9 ottobre 2003 sta cercando di migliorare la situazione e rendere la gente sensibile a questo problema, la campagna mondiale “Control Arms”, lanciata da Amnesty International, Oxfam e International action network on small arms.
Essa si pone come obiettivo primario l’adozione di un trattato internazionale sul commercio di armi entro il 2006.
Proprio in questi giorni un notevole contributo a questo progetto viene dalle sale cinematografiche attraverso il film “Lord of War”, uscito in Italia il 18/11/2005.La pellicola di Andrew Niccol vede Nicolas Cage nei panni di Yuri Orlov,un ucraino immigrato negli Stati Uniti che, per dare una svolta alla sua vita, decide di diventare trafficante d’armi.
Ispirato a fatti e persone reali,questo film è ambientato negli anni 80 quando,finita ormai la Guerra Fredda, giravano in disuso armi, vendute in seguito,dagli Stati dell’Unione Sovietica a gran parte dei paesi in via di sviluppo,come l’Africa, per ricavare ingenti quantità di denaro.
Ogni scena, ogni inquadratura racchiude al suo interno drammaticità, ironia, amore, azione, mille sentimenti ed emozioni diverse. Tutto ciò per rendere partecipe lo spettatore di un problema mondiale, che forse non ha conosciuto prima e denunciare quei paesi, membri permanenti del consiglio di sicurezza ONU, in quanto maggiori produttori di armi al mondo.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy