• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2005

Smashing Pumpkins: ecco chi sono veramente, storia e origini

Smashing Pumpkins
Smashing Pumpkins

Smashing Pumpkins

La vera storia degli Smashing Pumpkins: vita e origini, biografia e curiosità del famossisimo gruppo rock nato dalla conoscenza prima e dall’incontro dopo tra Billy Corgan e James.

Siamo nell’autunno del 1987, a Chicago con l’incontro tra Billy Corgan e James si forma l’embrione degli Smashing Pumpkins.

Corgan lasciò casa a 18 anni per trasferirsi a St.Peterburg, in Florida, dove formò un gruppo metal gotico chiamato The Marked (i Marchiati).

A causa dello scarso successo, dopo 9 mesi e 20 concerti, Corgan tornò a Chicago per tentare la formazione di un’altra band.

Studente di Arti Grafiche alla Loyola University di Chicago, era il chitarrista degli Snaketrain.

I due scelsero il nome del nuovo gruppo rifacendosi alla specialità di uno dei comici americani più famosi del momento, Gallagher, il quale fracassava zucche sul palco, divertimento molto comune anche fra i ragazzini americani durante la festa di Halloween.

Dapprima, non potendosi avvalere di un batterista in carne ed ossa, gli Smashing Pumpkins dovettero accontentarsi di esibirsi servendosi solamente di una drum machine.

Smashing Pumpkins: esordio, storia e origini

Il loro esordio arrivò una sera davanti a poche decine di persone, in un bar polacco di Chicago. Corgan è al basso e programma una batteria elettronica, Iha alla chitarra. Poco tempo dopo, al termine di un concerto degli Anthrax, Billy Corgan ha un diverbio con una ragazza di nome D’Arcy. Appena saputo che lei suonava la chitarra, la chiama per un’audizione che le permette di entrare nel gruppo come bassista. Joe Shanahan, proprietario del Metro Club di Chicago, dopo aver assistito ad un loro show all’Avalon, offre alla band una data a patto che ingaggiassero un vero batterista. Corgan contatta con successo Jimmy Chamberlin, un batterista jazz al momento disoccupato.

Lo show al Metro andò così bene che già al loro quarto concerto della carriera, il gruppo fece da spalla ai Jane’s Addiction. Il gruppo incide due cassette demo, Smashing Pumpkins e Moon, che vengono distribuite ai concerti. Shanahan, sempre più convinto del valore del gruppo, lo ingaggia ancora in diverse occasioni, facendogli aprire concerti di Buzzcocks e That Petrol Emotion. I Pumpkins cominciano a farsi conoscere ed entrano in contatto con Mike Potential, proprietario dell’etichetta Limited Potential. Potential porta la band in uno studio, dove registrarono un provino che conteneva alcune delle canzoni che verranno poi registrate nuovamente per l’album d’esordio, Gish.

Nella primavera del 1990, I am one diventa il primo singolo della band, lo pubblica la Limited Potential con una tiratura iniziale di 1500 copie che vanno subito esaurite. In autunno il quartetto entra in contatto con la Sub Pop e con Butch Vig, produttore che gestisce gli Smart Studios a Madison, nel Wisconsin. La Sub Pop pubblica il secondo singolo, Tristessa, che arrivò a vendere ben 7500 copie.

Nel 1991 i Pumpkins firmano con la Caroline Records (un’indipendente di proprietà Virgin), che a Maggio pubblica Gish.

Gish ebbe un notevole successo e fu ripubblicato in agosto dalla Hut Records, che pubblicò contemporaneamente il terzo singolo, Siva. Gish arriverà a vendere circa 750000 copie in tutto il mondo.

Nel gennaio 1992 gli Smashing Pumpkins pubblicano l’EP Lull, che contiene Rhinoceros e tre inediti : Blue,Slunk e Bye June. In Gran Bretagna, il leggendario dj John Peel invita gli Smashing Pumpkins a registrare alcuni brani per il suo programma televisivo alla BBC. La Hut ne trae un nuovo EP, Peel Sessions.

A dicembre, terminato il tour, Corgan comincia a ricevere pressioni dalla Virgin che nel frattempo aveva messo sotto contratto il suo gruppo. I fans sono impazienti, i tempi stanno iniziando ad allungarsi fin troppo e la Virgin per sopperire alle richieste della gente e tenere sempre alto l’interesse per gli Smashing Pumpkins, procura alla band un contratto per la registrazione di Drown, brano inserito nella colonna sonora di “Singles”. Il gruppo poi incide anche Daughter che una rivista americana (Reflex), inserisce all’interno di un flexi-disc. A questo punto inizia per il gruppo una dura crisi che metterà in pericolo il loro avvenire.

Le intuizioni di Corgan per il futuro degli Smashing Pumpkins

A Corgan pare che agli altri componenti della band non interessi il futuro creativo del gruppo, viene lasciato dalla sua ragazza, non riesce più a scrivere canzoni, James e D’Arcy devono fare i conti con la loro relazione appena terminata e Jimmy coi suoi problemi di droga e alcol. Tutto ciò gli causa un esaurimento nervoso, Billy si chiude in sè stesso finchè non decide di sottoporsi ad una terapia psichiatrica che gli fa ritrovare la voglia di suonare.

Ma i suoi compagni non si davano da fare, così Corgan decise di sciogliere gli Smashing Pumpkins e di finire l’album da solo, suonando sia la chitarra che il basso. Iha, D’Arcy e Chamberlin si accorgono d’aver sbagliato e tornano da Corgan che gli accoglie nuovamente nel gruppo. Mentre i Pumpkins si preparano per il nuovo tour, la Virgin pubblica il primo singolo, Cherub rock, che la critica accoglie favorevolmente.

Il 19 luglio 1993 esce in tutto il mondo Siamese dream, che diventa insieme a “In utero” dei Nirvana, l’argomento del giorno nel mondo rock.

In settembre, sfruttando l’ottimo successo iniziale dell’album esce il secondo singolo, Today. Alla fine dell’anno, Siamese dream, che ha venduto 1500000 copie, appare nelle più importanti recensioni come uno dei migliori album dell’anno.

Nel febbraio 1994 la Virgin pubblica un terzo singolo tratto da Siamese dream, Disarm e in giugno il quarto, Rocket. In ottobre la Virgin America pubblica una raccolta di b-sides, Pisces Iscariot e una loro videocassetta, Vieuphoria, che raccoglie quasi esclusivamente riprese concertistiche.

Nel 1995 la Virgin annuncia che gli Smashing Pumpkins stanno già scrivendo materiale per un album che avrà come produttori Alan Moulder, Billy Corgan e Flood. Il nuovo progetto è un doppio CD con più di 2 ore di musica, anche se la Virgin non è assolutamente d’accordo su questa idea, la band è però ferma nei suoi propositi. L’arrivo di Flood e la presenza di Moulder accentuarono l’uso di campionamenti, loop e sequencers.

Il 16 ottobre la Virgin pubblica il singolo Bullet with butterfly wings ed il 24 ottobre esce il doppio CD Mellon Collie and the Infinite Sadness. Il nuovo album esordì al primo posto nella classifica di Billboard, con più di 250000 copie vendute e più di un milione di prenotazioni nella sola prima settimana. Appena pubblicato Mellon Collie and the Infinite Sadness, Billy dichiara la morte dell’elemento rock che è in lui e l’esaurimento del filone rock della band.

Il 2 gennaio 1996 inizia il tour e alla fine del mese la Virgin pubblica in tutto il mondo il secondo singolo, 1979.

In maggio esce il terzo singolo tratto da Mellon Collie and the Infinite Sadness, Tonight, tonight.
La notte dell’11 luglio, alla vigilia di quello che avrebbe dovuto essere il momento più importante del tour, due concerti al Madison Square Garden di New York, Jimmy si sveglia rintronato da una dose fortissima di “Red Rum”, Johnatan Melvoin, tastierista aggiunto del gruppo, fa già parte di un altro mondo, alle 4.15 viene dichiarato morto.

Il 17 luglio, la band decide di licenziare Jimmy e agli inizi di agosto Billy si rimette al lavoro sul futuro progetto di The Aeroplan Flies High, box pensato per i fans più accaniti della band. Ma non è abbastanza e così la band decide di tornare “on the road”, assoldando Matt Walker (Filter) come batterista e Dennis Flemion (Frogs) come tastierista.

Nello stesso periodo Jimmy Chamberlin viene condannato ad un anno di carcere per detenzione di sostanze illegali.

A fine agosto esce il quarto singolo, Thirty-tree e Billy, insieme a Matt Walker compone alcuni brani per la colonna sonora di “Ransom”.

Il 26 novembre 1996 esce The Aeroplan Flies High, simbolo di un artista iperattivo, sempre alla ricerca di nuovi stimoli, nuove melodie, sempre in sfida con sè stesso e con la sua creatività.
Il 14 dicembre la band viene invitata agli MTV Europe Music Awards e si presentano dopo aver ricevuto ben sette Grammy Nominations.

Il 19 maggio 1997 gli Smashing Pumpkins danno alle stampe The end is the beginning is the end, un singolo che anticipa l’uscita di uno dei film più attesi dell’estate, “Batman & Robin”.
James Iha, nel febbraio 1998 decide di far uscire il suo primo album da solista, Let it come down.

Il 2 giugno 1998 esce un album che rappresenta una svolta per gli Smashing Pumpkins, Adore, già secondo nelle classifiche di Billboard dopo una settimana di presenza nei negozi. Non c’è più Jimmy Chamberlin, al suo posto si sono alternati tre batteristi, Matt Walker, Matt Cameron (Soundgarden) e Joey Waronker (Beck). Complici la morte della madre e la separazione dalla moglie, Billy Corgan fa di Adore un disco cupo,notturno, molto malinconico.

Per la registrazione del nuovo album i Pumpkins annunciano, insieme ad un nuovo tour (Arising! Tour), il rientro di Jimmy Chamberlin nel gruppo.

Nel settembre del 1999, quando i Pumpkins si stavano apprestando a terminare le registrazioni del nuovo album, D’Arcy decide di lasciare la band e il suo posto viene preso dall’ex bassista delle Hole, Melissa Auf der Maur. Machina/The Machines of God esce il 29 febbraio 2000 ed i Pumpkins iniziano ad aprile il The sacred and profane world tour.

Lo scioglimento degli Smashing Pumpkins nel 2000

Il 23 maggio 2000, Billy Corgan annuncia alla radio di Los Angeles, KROQ, lo scioglimento della band al termine dell’anno e del tour mondiale. In settembre però esce quello che dovrebbe essere l’ultimo album degli Smashing Pumpkins, Machina II / The friends & enemies of modern music.

Questo album, a causa del mancato interesse da parte della Virgin, viene rilasciato dalla Costantinople Records, la casa discografica di Billy Corgan, solo attraverso internet e scaricabile gratuitamente da siti che hanno avuto in concessione una delle 25 e uniche copie dell’album.

Google+
© Riproduzione Riservata