• Google+
  • Commenta
2 dicembre 2005

Uni Trento, la biblioteca si trasferisce a palazzo ex-Cavazzani

Il trasferimento inizierà a partire dal prossimo 2 novembre

I lavori di trasloco dovrebbero concludersi il 15 dicembre per i libri e il 20 Il trasferimento inizierà a partire dal prossimo 2 novembre

I lavori di trasloco dovrebbero concludersi il 15 dicembre per i libri e il 20 febbraio per le riviste

È ormai imminente il trasferimento della biblioteca centrale dell’Università a palazzo ex-Cavazzani. Da mercoledì 2 novembre il palazzo di via Verdi 8 sarà la sede destinata ad accogliere provvisoriamente la biblioteca e i suoi uffici amministrativi, in attesa della costruzione del nuovo edificio, progettato dall’architetto ticinese Mario Botta, che sorgerà in piazzale San Severino.
Per ovviare ad eventuali disagi nella consultazione e nel prestito dei libri e per agevolare il più possibile gli studenti, il trasloco avverrà in due momenti distinti: dal 2 novembre al 15 dicembre saranno trasferiti i libri, partendo da quelli maggiormente richiesti dagli utenti, in particolare quelli di argomento economico, sociologico e giuridico, che saranno già disponibili presso la nuova sede a partire dal 21 novembre; dalla fine di dicembre al 20 febbraio toccherà alle riviste, che verranno trasferite seguendo l’ordine alfabetico. Nelle fasi di trasloco saranno inoltre attive due postazioni di distribuzione, una a Sociologia e l’altra a palazzo ex-Cavazzani, in modo tale che i testi non siano disponibili solamente nelle fasi di spostamento e ricollocazione.
Il palazzo ex-Cavazzani è stato ristrutturato per ospitare provvisoriamente la biblioteca della Facoltà di Sociologia e in via definitiva le sedi del CIAL (Centro Didattico Interfacoltà per l’Apprendimento Linguistico) e dell’American University. Il nuovo edificio è attrezzato con moderne sale di consultazione e postazioni individuali, ciascuna fornita di presa elettrica e presa di rete per i computer portatili, illuminazione e collegamento wireless a Internet; nella sede troverà spazio anche un’area dotata di PC per l’accesso al Catalogo Bibliografico Trentino e per la navigazione in rete.

Google+
© Riproduzione Riservata