• Google+
  • Commenta
10 febbraio 2006

Master per Manager della filiera cerealicola

Scade il 3 marzo prossimo il termine per l’iscrizione al Master universitario di primo livello in Manager della filiera cerealicola, un’iniziativa didScade il 3 marzo prossimo il termine per l’iscrizione al Master universitario di primo livello in Manager della filiera cerealicola, un’iniziativa didattica unica in Italia, promossa dalla Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Teramo e cofinanziata dal Fondo Sociale Europeo, dal Ministero del Lavoro e dalla Regione Abruzzo. Saranno partner del Master il pastificio abruzzese Cocco, l’azienda Molino Alimonti, leader in Italia per la prima trasformazione dei cereali e il Cra, ente di riferimento nazionale nel settore cerealicolo.
Il Master, attivato nel quadro del progetto POR Abruzzo 2004 sulla Formazione superiore e coordinato da Michele Pisante, del Dipartimento di Scienze degli alimenti dell’Università degli Studi di Teramo, ha durata annuale ed è rivolto principalmente ai laureati presso la Facoltà di Agraria ma è destinato anche a quelli delle Facoltà di Economia e commercio, Scienze politiche, Scienze manageriali, Ingegneria, Scienze naturali e Scienze biologiche.
Le lezioni avranno inizio il 10 marzo prossimo nella sede della Facoltà di Agraria a Mosciano Sant’Angelo.
Il Master universitario di primo livello in Manager della filiera cerealicola intende preparare ed aggiornare tecnici e professionisti specializzati, ma anche formare nuove professionalità che, oltre ad avere conoscenze approfondite e aggiornate sulle classiche tematiche della coltivazione dei cereali a paglia, della trasformazione industriale e della commercializzazione del prodotto, acquisiscano anche una preparazione universitaria su argomenti di particolare attualità e rilevanza: la salvaguardia dell’ambiente, la sicurezza e la valorizzazione alimentare dei prodotti di elevata qualità, la loro promozione, la legislazione e la strutturazione a livello internazionale degli organismi riguardanti il settore, nonché la messa a punto di prodotti non tradizionali di trasformazione di cereali, finalizzati anche a consumatori affetti da patologie correlate all’alimentazione (celiachia).
Gli allievi del Master, oltre all’attività professionale per enti pubblici e privati, potranno svolgere attività di supporto e gestione delle aziende produttrici, di quelle di prima (molini) e seconda trasformazione (pastifici), delle industrie di prodotti da forno e di altre industrie agroalimentari. Potranno, inoltre, operare nell’ambito delle industrie fornitrici di materie prime per il settore cerealicolo e delle industrie della lavorazione, della commercializzazione e della valorizzazione del prodotto.
Il Master, che conferisce sessanta crediti formativi, è articolato in tre moduli: Gestione della cerealicoltura nel suo ecosistema; Trasformazione industriale e valorizzazione alimentare; Commercializzazione, legislazione e comunicazione. Al termine del ciclo di lezioni gli iscritti svolgeranno un periodo di stage presso Università, enti di ricerca e aziende della filiera cerealicola.
Per informazioni si può consultare il sito di Ateneo www.unite.it o contattare il professor Michele Pisante (Tel. 0861.266940 – Fax 085.8071509 – E-mail: mpisante@unite.it)

Google+
© Riproduzione Riservata