• Google+
  • Commenta
15 febbraio 2006

Unimore: bando Erasmus

Cresce l’impegno dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia per favorire la partecipazione dei suoi studenti a progetti di mobilità internaCresce l’impegno dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia per favorire la partecipazione dei suoi studenti a progetti di mobilità internazionale. Nell’ultimo triennio le opportunità di soggiorni all’estero per loro sono aumentate del +16,77%. Nel prossimo anno accademico ne potranno partire 557. Meta principale la Spagna, pronta ad accogliere 150 iscritti dell’Ateneo modenese-reggiano. Le facoltà più intraprendenti a sviluppare queste esperienze sono: Lettere e Filosofia, Economia “Marco Biagi” e Scienze della Comunicazione e dell’Economia. Pubblicato dall’Ateneo il bando per le domande di partecipazione. C’è tempo fino a lunedì 6 marzo 2006.
Per 557 studenti dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, 448 iscritti a corsi di laurea della sede di Modena e 109 iscritti a corsi della sede di Reggio Emilia (vedi tab. 2), si apre l’interessante prospettiva di poter effettuare un periodo di soggiorno, variabile da 3 a 12 mesi, all’estero: meta principalmente i Paesi della Unione Europea, ma anche altri semplicemente associati.
In questi giorni, infatti, è stato pubblicato il bando per la partecipazione al Programma Socrates – Azione Erasmus, che prevede per gli studenti dell’Ateneo l’opportunità di effettuare, a partire dal secondo anno di iscrizione ad un corso di laurea, un’esperienza di studio presso una delle Università partner con cui sia stato sottoscritto un accordo di collaborazione.
“Crediamo molto nel valore formativo di queste esperienze – ha commentato il Rettore dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia prof. Gian Carlo Pellacani – che costituiscono un’ottima opportunità di arricchimento culturale. E’ molto importante che in una società globalizzata i nostri studenti, tanti dei quali domani si indirizzeranno verso il mondo delle professioni, possano ricevere solide basi e conoscenze della realtà economica e culturale con la quale dovranno dialogare. In questo modo pensiamo concretamente di far crescere tra le persone, nei giovani l’idea di quella dimensione europea che è ormai l’orizzonte spaziale col quale tutti ci dobbiamo confrontare”.
A tal fine attraverso l’Agenzia Nazionale Socrates Italia vengono assegnate a quanti partono delle borse di studio (120 euro l’anno scorso) come contributo alla copertura delle spese straordinarie che lo studente deve sostenere durante la sua permanenza. In ambito strettamente accademico modenese-reggiano, per incentivare ulteriormente l’adesione a questi progetti di mobilità internazionale l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia sosterrà i partecipanti con l’erogazione di un contributo integrativo che per l’anno scorso è stato di 103,20 euro per ogni mese di permanenza all’estero.
Durante il loro soggiorno i ragazzi avranno la possibilità di seguire i corsi, sostenere gli esami ed usufruire delle strutture e, in molti casi, dei servizi dell’Università ospitante, senza pagare tasse presso quest’ultima. L’attività di studio svolta all’estero e concordata prima della partenza con i docenti responsabili degli scambi sarà pienamente riconosciuta ai fini dell’iter universitario.
Il bando e le specificazione delle sedi di destinazione, oltre alla modulistica, sono consultabili sul sito www.unimore.it, cliccando sulla specifica finestra creata per il Bando Erasmus 2006/2007.
La domanda di partecipazione deve essere inoltrata utilizzando il modulo on-line, che va completato entro le ore 23.59 di lunedì 6 marzo 2006, e la cui copia cartacea, unita agli eventuali allegati, deve essere consegnata all’Ufficio Rapporti Internazionali (via Università 4 – Modena; via Kennedy 17 – Reggio Emilia) o spedita via fax al numero 059/2056566 entro le ore 13,30 di martedì 7 marzo 2006.
Si sottolinea, in proposito, che è consentito agli studenti di presentare domanda elusivamente per le sedi pertinenti alla facoltà di afferenza, esprimendo un massimo di 5 opzioni indicate secondo l’ordine di preferenza. Solo per gli studenti della facoltà di Lettere e Filosofia e di Economia “Marco Biagi” è concessa la possibilità di scegliere fino ad un massimo di 10 sedi.
Potranno beneficiare della borsa Erasmus solo gli studenti che non ne abbiano usufruito in passato, che abbiano una conoscenza adeguata delle lingua del Paese nel quale intendono recarsi e che al momento della partenza, coincidente per i selezionati di quest’anno col periodo compreso tra il 1° luglio 2006 ed il 30 settembre 2007, siano iscritti almeno al secondo anno o ad un corso di laurea specialistica.
Il valore e l’attenzione prestati dall’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia per queste esperienze sono sottolineate dal costante ampliamento non solo delle borse di studio a disposizione ogni anno, ma anche delle sedi partner straniere, con cui sono state avviate intese di scambio e collaborazione tra i docenti (vedi tab. 3).
Nell’ultimo triennio si è passati da 477 opportunità di soggiorni all’estero per gli studenti (anno 2004/2005) alle 557 attuali, corrispondenti ad un incremento di +16,77%, mentre le sedi convenzionate sono salite da 132 a 152.
I progetti di mobilità toccano un po’ tutti i Paesi dell’Unione Europea (20), oltre a Malta alla Svizzera ed alla Turchia. La parte del leone la fa la Spagna presente con accordi riguardanti ben 26 differenti Atenei, pronti ad accogliere 148 nostri studenti. Forte l’intesa anche con la Germania, che si prepara a ricevere presso le sue 21 sedi convenzionate 77 iscritti modenesi-reggiani, e con la Francia, probabile meta di 71 ragazzi che si distribuiranno in 18 sedi universitarie. A distanza seguono: Austria (36 borse e 5 sedi); Regno Unito (29 borse e 9 sedi); Danimarca (25 borse e 8 sedi) e Svizzera (24 borse e 5 sedi).
Le facoltà dell’Ateneo più impegnate a favorire gli scambi internazionali sono (vedi tab. 1): Lettere e Filosofia, che consentirà l’uscita di 150 studenti, Economia “Marco Biagi”, che si prepara ad inviarne 125, Scienze della Comunicazione e dell’Economia, da cui ne partiranno 64, Medicina e Chirurgia (49) e Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali (53).

Google+
© Riproduzione Riservata