• Google+
  • Commenta
22 febbraio 2006

Unimore: conferenza matematica

Penultima conferenza sugli sviluppi della ricerca matematica nell’epoca dei lumi e sulle nuove teorie nate in Europa a cavallo tra il XVIII e XIX secoPenultima conferenza sugli sviluppi della ricerca matematica nell’epoca dei lumi e sulle nuove teorie nate in Europa a cavallo tra il XVIII e XIX secolo, giunto al suo penultimo appuntamento. Nel settimo incontro venerdì 24 febbraio 2006 a Modena si parla della scuola matematica modenese tra Settecento ed Ottocento.

Giunge al suo settimo appuntamento, il ciclo d’incontri pubblici che il Dipartimento di Matematica dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con l’Accademia di Scienze Lettere e Arti e la Scuola di Specializzazione all’insegnamento Secondario, ha organizzato quest’anno per approfondire e far conoscere il valore dei contributi apportati da alcuni dei grandi studiosi del XVIII e XIX secolo agli sviluppi della ricerca.

L’iniziativa è la continuazione di un percorso storico-filosofico, avviato negli anni passati, proposto con finalità divulgative, per riaccendere l’interesse culturale e scientifico dei giovani e degli appassionati attorno a questa fondamentale materia. Nei cicli precedenti l’attenzione era stata successivamente fermata, dapprima, sull’evoluzione del pensiero matematico a partire dai greci (I ciclo), quindi al Medioevo (II ciclo) e, poi, alla prima metà del XVIII secolo (III ciclo).

“Dopo il periodo pionieristico, che seguì all’introduzione del calcolo differenziale ed integrale – spiega la prof. ssa Franca Cattelani dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – le ricerche matematiche furono mirate alla sistematizzazione dei concetti e dei metodi che stanno alla base delle nuove teorie. Vasti orizzonti e nuovi spazi d’indagine si presentano agli scienziati che si dedicano in questo periodo all’analisi (Lagrange, Cauchy e Weirstrass), alla geometria (Gauss, Lobacevskij, Bolyai), all’algebra (Abel e Galois), alla probabilità (Laplace)”.

Un nuovo incontro è annunciato presso il Dipartimento di Matematica (Via Campi 213/b) a Modena, nella giornata di venerdì 24 febbraio 2006 alle ore 17.00.

Il prof. Francesco Barbieri dell’Accademia di Scienze Lettere e Arti di Modena e la prof.ssa Franca Cattelani Degani dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia presenteranno “La scuola matematica modenese tra Settecento ed Ottocento”.

Gli anni 1750-1850 hanno visto fiorire a Modena una valida scuola matematica. Gli studi storici di Pietro Riccardi ed Ettore Bortolotti, continuati per tutto il XX secolo, hanno messo in luce la ricchezza di importanti materiali conservati negli archivi cittadini e la loro valenza sia per la ricerca storica che per la didattica della matematica. La riscoperta di alcuni di questi materiali costituirà il tema conduttore della conferenza.

Per ulteriori informazioni si può consultare il sito www.accedamiasla-mo.it (tel. 059/225566) ed il sito www.matematica.unimo.it.

Google+
© Riproduzione Riservata