• Google+
  • Commenta
15 marzo 2006

Chirurgia estetica di gruppo

L’approccio con la chirurgia estetica ha subito radicali mutamenti nel corso egli ultimi anni. Spesso sono l’ufficio o “la comitiva” a far nascere l
L’approccio con la chirurgia estetica ha subito radicali mutamenti nel corso egli ultimi anni. Spesso sono l’ufficio o “la comitiva” a far nascere l’idea di dare una rinfrescatina al proprio volto, ed insieme si individua un referente di fiducia presso il quale andare insieme.
Questo fenomeno, nato di recente, riguarda in particolare una sostanza usata nella medicina estetica: il Botax.
Universalmente conosciuto, si tratta di una proteina di origine biologica in grado di eliminare le rughe che si formano per effetto della contrazione dei muscoli facciali, non presenta controindicazioni, per cui lo stimolo di provarlo è piuttosto forte. Si preferisce però, appoggiarsi al gruppo nel farne uso perché tale appoggio psicologicamente offre maggiore sicurezza e motiva le persone maggiormente.

Infatti, non è infrequente, anzi spesso costituisce la norma, osservare piccoli assembramenti caratterizzati da un’atmosfera rilassata e piacevole, dominata da battute scherzose presso i centri che praticano questo tipo di trattamento.

L’età dei fruitori di Botax è compresa generalmente fra i 35 ed i 45 anni, e le donne risultano in numero maggiore rispetto alle loro controparti maschili. Queste ultime, però, sono in costante crescita.
Ma non esiste solo il Botax tra amici, c’è anche quello di coppia. Sono decisamente in aumento i coniugi cinquantenni che si rivolgono a centri estetici specializzati nella eliminazione delle rughe. Solitamente lui vuole far sparire qualche solco in eccesso sulla fronte, lei desidera cancellare gli antiestetici segni nasogenieni. Arrivano già informatissimi sul da farsi e sanno esattamente ciò che va ritoccato. Una “nuova” sfaccettatura sociologica del rapporto coniugale.

Google+
© Riproduzione Riservata