• Google+
  • Commenta
2 marzo 2006

Parma: “Scritture tra letteratura italiana e giornalismo”

Martedì 7 marzo 2006, alle ore 10.30, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, sarà presentato il volume “Scritture tra letteratura italiMartedì 7 marzo 2006, alle ore 10.30, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, sarà presentato il volume “Scritture tra letteratura italiana e giornalismo”, pubblicato dalla casa editrice MUP, che raccoglie i saggi di un gruppo selezionato di otto studenti di Letteratura italiana della laurea specialistica in “Giornalismo e cultura editoriale” dell’ Università di Parma.
Alla presentazione parteciperanno il Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, prof. Gilberto Biondi, la curatrice del libro, prof.ssa Annamaria Cavalli e i giornalisti Bruno Rossi, Luca Goldoni e Giorgio Torelli.
Alcuni degli studi presentati cercano di applicare a dei testi letterari le idee espresse dagli autori stessi, sia direttamente che attraverso la pura teoria o recensendo le opere altrui.
Così, per esempio, le Lezioni americane di Calvino sono state utilizzate per analizzare Le città invisibili, Il castello dei destini incrociati, Se una notte d’inverno un viaggiatore; si è andati alle origini del Vittorini romanziere analizzando le vicende del Vittorini pubblicista e così di seguito, cercando di entrare nell’officina degli scrittori e di carpirne qualche piccolo segreto.
Altri saggi seguono vie diverse: la ricostruzione delle origini della definizione di un movimento letterario come il Crepuscolarismo; il confronto tra scrittori estremamente differenti sul piano dello stile e però accomunati dall’intento di spiegare la complessità del mondo attraverso la letteratura quali Gadda e Calvino; lo studio delle ragioni comuni e diverse della scoperta entusiasmante della letteratura americana da parte di Pavese e Vittorini o delle motivazioni esistenziali sottese alla ‘religione delle lettere’ di Renato Serra.
Accanto ai saggi compare una sezione dedicata a note brevi (pensate per la terza pagina di un quotidiano) e a recensioni ‘immaginarie’, suggerite dalla supposta nuova edizione di un testo o dalla sua offerta come omaggio accluso a un giornale. Si tratta di un esercizio di sintesi e di fantasia, anch’esso centrato sull’obiettivo di comprendere e applicare i meccanismi retorici che azionano i vari tipi di scrittura.

Google+
© Riproduzione Riservata