• Google+
  • Commenta
30 marzo 2006

Processo Microsoft: altro schiaffo a Bill Gates

Processo Microsoft
Processo Microsoft

Processo Microsoft

Continua l’odissea legale con il processo Microsoft.

Il colosso di Bill Gates riceve un ennesimo schiaffo dalla Commissione Europea con cui è in lotta a Continua l’odissea legale della Microsoft.

Il colosso di Bill Gates riceve un ennesimo schiaffo dalla Commissione Europea con cui è in lotta a causa delle sue politiche di mercato.

Dopo le salatissime sanzioni economiche – le più alte multe mai applicate nella storia della Comunità Europea, in ambito di Antitrust – la società di Redmond viene di nuovo ammonita, stavolta per non aver rispettato le normative riguardo gli standard in progetto sul nuovo sistema operativo Vista.

Iniziato più di 10 anni fa, il processo di monopolizzazione del mercato, da parte di Bill Gates & Co., ha visto imporre a utenti e aziende il proprio sistema operativo ed i propri standard, escludendo quasi definitivamente tutti gli altri competitor dal mercato mondiale – ricordiamo che Microsoft deteniene il record di penetrazione delle proprie tecnologie.

Le accuse principali della Commissione riguardano appunto la possibilità di rendere compatibili gli standard Microsoft con i prodotti concorrenti, in particolare in riferimento al nuovo sistema operativo previsto per fine anno.

MS Vista, infatti, vede inglobati dei protocolli di scambio dati e di sicurezza del tutto “ermetici” che spingerebbero i cyber-utenti ad affidarsi completamente alle tecnologie Microsoft, in mancanza di compatibilità con altri sistemi e piattaforme.

Recentemente la multinazionale americana aveva dato segni di apertura al mondo delle tecnologie dell’informazione; segni giudicati positivamente dalla Commissione Europea, ma, come spesso accade nei grandi processi, le cose cambiano velocemente e si è di nuovo al “muro contro muro”.

Intanto le finanze di Microsoft vanno a gonfie vele, nonostante multe e richiami, specchio di una posizione di mercato solida e difficilmente attaccabile.

Google+
© Riproduzione Riservata