• Google+
  • Commenta
20 aprile 2006

“Galileo 2007” ed il tandem italo-francese

Il programma “Galileo”, istituito dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica italiano (MIUR), dal Ministero degli Il programma “Galileo”, istituito dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica italiano (MIUR), dal Ministero degli Affari Esteri, dal Ministero dell’Educazione Nazionale, e dal Ministero della Ricerca e della Tecnologia francesi, nasce dall’istanza comune diretta a promuovere la cooperazione scientifica italo-francese, su progetti di ricerca comuni ad entrambe le nazioni, attraverso lo scambio di ricercatori su base progettuale.
L’accordo prevede fondi da destinarsi a gruppi di ricercatori e di studiosi in attività presso Istituzioni Universitarie e/o Organismi di Ricerca pubblici francesi ed italiani e non andranno pertanto a finanziare progetti portati avanti da singoli docenti, ricercatori o dottorandi, sottolineando l’importanza dello scambio e del lavoro d’equipe, considerati alla base di un qualsivoglia sviluppo culturale.
In base alle indicazioni contenute nell’accordo stipulato nel 1992 dalle istituzioni italo-francesi, va ricordata inoltre l’importanza attribuita alla specializzazione delle nuove leve: un’intesa concepita affinché soprattutto i giovani abbiano la possibilità di esprimere il loro valore, all’interno dei percorsi della Ricerca applicata.
Per l’edizione “Galileo 2007” verranno prese in esame le proposte che, distinte tra le altre per “ampiezza e qualità”, contribuiscano alla protezione dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile, al miglioramento della qualità della vita, allo sviluppo di tecnologie innovative, alla valorizzazione ed alla protezione dei beni culturali, proprio per ribadire che all’interno della delicata situazione in cui ci troviamo, la Ricerca non può essere assolutamente concepita se non calata totalmente nella realtà quotidiana.
I progetti dovranno essere concordati tra gruppi di ricerca italiani e francesi e avere la durata di un anno; verranno infatti prese in considerazione solo le candidature presentate dai ricercatori partner presso le istituzioni che gestiscono il programma Galileo nei due paesi (UIF per l’Italia e EGIDE per la Francia).
I finanziamenti, da utilizzare tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2007, sono naturalmente destinati a sostenere anche i costi legati alla mobilità dei ricercatori.
Il termine ultimo per la presentazione delle domande, i cui dossier dovranno essere co-depositati in Francia (on line, sul sito dell’EGIDE) ed in Italia (on line e sottoforma cartacea, presso l’UIF), è fissato per il 15 maggio 2006.
Per quanto concerne invece le richieste di rinnovo per progetti già finanziati nel 2006, c’è tempo fino all’8 settembre 2006.
Il bando integrale può essere reperito presso l’indirizzo web http://www.universita-italo-francese.org

Google+
© Riproduzione Riservata