• Google+
  • Commenta
13 aprile 2006

Il Google Bombing

Pirateria informatica contro il Cavaliere.

Il giochino va avanti da anni, ma in tempo di elezioni si sa, tutto diventa un affare

Pirateria informatica contro il Cavaliere.

Il giochino va avanti da anni, ma in tempo di elezioni si sa, tutto diventa un affare di Stato. E allora si passa al contrattacco. Il motore di ricerca Google ha dovuto eliminare l’associazione tra le chiavi di ricerca “buffone” e “miserabile fallimento” e la pagina della Presidenza del Consiglio dei Ministri riservata al curriculum vitae di Silvio Berlusconi.
Il Google Bombing, chiamato così nel gergo informatico, è una tecnica che non fa altro che sfruttare la modalità di indicizzazione dei siti attraverso chiavi di ricerca operata da Google, che non si basa solo sull’occorrenza di una data parola all’interno di una pagina web, ma anche sul ranking. Google infatti posiziona un sito più o meno in alto tra i risultati della ricerca in base ai link che riceve, ritenendo ovviamente più importanti i siti web maggiormente linkati da altri.
Così molti blogger, attraverso il passaparola in rete, hanno messo sulla propria pagina web un link alla biografia di Silvio Berlusconi sotto le parole “buffone” o “miserabile fallimento”. Questo ha fatto si che Google ritenesse quella pagina significativa se associata alle suddette parole, anche se queste non compaiono mai all’interno della stessa. Se si effettuava quindi una ricerca della parola “buffone” su Google.it ovviamente la prima pagina che veniva indicizzata tra gli altri risultati era proprio quella del curriculum vitae del Cavaliere.
Questo ha indispettito non poco l’ormai ex Premier che ha subito contattato Google per eliminare il “problema” facendo attivare il commissario dell’ Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, Enzo Savarese, e parlando addirittura di pirateria informatica.
Il Google Bombing è un fenomeno ormai diffuso e noto ai frequentatori della rete che ha colpito con fini irrisori anche altri noti politici e uomini di Stato come George Bush, che ha subito la medesima sorte del Cavaliere trovando la pagina con la sua biografia legata al binomio “miserable failure” e il Ministro degli Interni francese Sarkozy, che al tempo non intraprese nessuna azione per evitare che il suo nome fosse collegato addirittura ad un sito di caricature.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy