• Google+
  • Commenta
14 aprile 2006

Quando viene lei

Non importa se è sera o mattina, se è giorno pieno o notte, quando viene lei.
Si chiudono le persiane delle case, al suo passaggio; la mia portaNon importa se è sera o mattina, se è giorno pieno o notte, quando viene lei.
Si chiudono le persiane delle case, al suo passaggio; la mia porta è socchiusa ed io resto immobile e trepido, seduto sul letto.
Respiro silenziosamente, aspettando il suono leggero dei suoi passi sulle scale…
I minuti sono anni ed i secondi quasi secoli; le braccia si tendono aperte al pericolo che lei porta con sè, nascosto tra i capelli; e riesco quasi a leggere nel torbido desiderio dei suoi occhi, il buio e il vuoto e la mia stessa fine.

Ma le mani nervose altro non vogliono che incontrare i suoi muscoli tesi e la mia schiena ha sempre bisogno di regalare altro sangue alle sue unghie.
Ventre contro ventre, sudore caldo, le gambe intrecciate da non potersi quasi più muovere; le dita impazzite che accarezzano e stringono e mordono come denti, quasi a volersi mangiare l’anima…
…sono dentro di lei, con il sesso e la lingua, altro non chiedo, se non di porre fine a questa vita, così… subito… senza sapere… senza altre parole… ascoltando il suo suono , mentre viene, e ancora… ancora vuole volare con me.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy