• Google+
  • Commenta
3 aprile 2006

Simone Schettino, il comico aperto al dialogo

Si registra il tutto esaurito venerdì sera al teatro Alambra di Cava dei tirreni. Un successo annunciato quello del fondamentalista napoletan
Si registra il tutto esaurito venerdì sera al teatro Alambra di Cava dei tirreni. Un successo annunciato quello del fondamentalista napoletano Simone Schettino che dopo pochi mesi ritorna nella cittadina selernitana acclamato dai fans. Un paese che ama particolarmente proprio perché legato ai suoi inizi: proprio a Cava, dieci anni fa , si esibì per la prima volta in uno spettacolo di cabaret al locale Il Moro, gestito da un amico che credendo nelle sue potenzialità gli offrì l’occasione di farsi conoscere. Il nuovo spettacolo messo in iscena dal brillante comico si intitola “Inciuci globalizzati”. Temi attuali, ironici, seri, quelli di ogni giorno affrontati con la schiettezza propria dell’uomo napoletano che con una marcia in più rispetto agli altri riesce a tenere legato a se lo spettatore per ben tre ore di spettacolo senza mai far calare l’attenzione. Nessuno si è salvato dalla pungente ironia di Schettino; calciatori, politici, gente comune, reali e perché no anche il ministro della pubblica istruzione, tutti epicentro del suo interesse. Eppure Schettino dall’alto del suo palco non intende criticare nessuno. “ Non racconto verità assolute – confessa al nostro giornale – cerco solo di lasciare che chi mi ascolta possa riscoprire il valore di cose autentiche, attraverso il dialogo”. Con una nota di rammarico esclama “ Nessuno più oggi gioca a tressette, tutti presi dalla tecnologia che avanza”. Un linguaggio un po’ colorito, genuinamente napoletano, la prontezza di provocare la risata anche dinanzi agli imprevisti, questi i segreti del suo successo. Eppure Schettino non crede che la comicità sia l’arma più potente della comunicazione, asserisce “Solo colui che scolta può decidere se e come voler ascoltare, non c’è registro che tenga quando l’interlocutore non vuole ascoltare”. Opinioni, consigli, “credo”, tutto un insieme di esperienze che rappresentano il bagaglio artistico del fondamentalista napoletano che porta con se in tutta la sua tournee italiana.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy