• Google+
  • Commenta
6 aprile 2006

Unimore: conferenza il Mostruoso ed il fantastico

L’intreccio tra reale e immaginario nelle rappresentazioni degli animali è l’argomento sviluppato attraverso un ciclo di conferenze “Tra fa

L’intreccio tra reale e immaginario nelle rappresentazioni degli animali è l’argomento sviluppato attraverso un ciclo di conferenze “Tra fantastico e realtà”, che si tiene all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia nell’ambito della VIII Settimana della Cultura. Il primo appuntamento a Modena venerdì 7 aprile 2006.

La Settimana della Cultura, promossa dall’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia che segue l’iniziativa proposta dal Ministero per i beni e le attività culturali, prosegue con il suo ricco programma di eventi.

Mentre prosegue al Dipartimento del Museo di Paleobiologia e dell’Orto Botanico (via Berengario,14) a Modena la mostra su “ Res Mutinenses: le collezioni storiche del Museo di Paleobiologia”, collateralmente all’iniziativa prende il via un ciclo di conferenze dal titolo “Tra fantastico e realtà”, che consente una rilettura scientifica della sopravvivenza nell’immaginario collettivo di miti legati al mondo animale.

Il primo appuntamento per chi vuole capire di più sull’origine e sul formarsi di queste “figure” è venerdì 7 aprile 2006 alle ore 17.00 nell’Aula Magna della facoltà di Giurisprudenza (Via Università, 4 ) a Modena con la conferenza del dott. Roberto Guidetti del Dipartimento di Biologia Animale dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, che affronterà il tema “ Il Mostruoso ed il Fantastico: un viaggio nella zoologia tra mito e realtà”.

L’incontro consente di percorrere un viaggio temporale dalla preistoria ai nostri giorni, durante il quale la fantasia dell’uomo e la realtà della natura si compenetrano e gareggiano nella creazione di esseri mostruosi e fantastici, la cui forza e suggestione perdurano tutt’ora.

Saranno presentati alcuni dei più significativi esseri immaginari creati dall’uomo con significati allegorici o derivanti da erronee rappresentazioni di animali reali.

“Attraverso l’analisi di questi – commenta il dott. Roberto Guidetti dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – si attraverseranno, a partire dal mesolitico, alcuni dei periodi fondamentali della civiltà occidentale, passando per le grandi culture egizia, ovvero gli dei ibridi uomo-animale, e greca con le sue creature mitologiche come l’Idra, la Chimera, il Ciclope, le Sirene, soffermandosi a commentare i bestiari medioevali, il caso dell’unicorno, degli ibridi animali–piante, degli uomini-piante e le rinascimentali, per arrivare ai giorni nostri che non rimangono immuni alla fascinazione del passato e alla necessità di ignoto e mistero: si pensi alla ricerca dello Yeti, del Mostro di Lochness o di fantastiche creature aliene”.

La presentazione delle immagini sarà integrata e commentata dall’esposizione nell’Aula Magna di reperti di animali provenienti dal Museo di Zoologia e Anatomia Comparata dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy