• Google+
  • Commenta
29 maggio 2006

“Calciopoli” sempre più nella bufera

“Associazione per delinquere finalizzata all’illecita concorrenza con minacce o violenza”. È il nuovo reato che i pm della procura di Roma Luca Palama“Associazione per delinquere finalizzata all’illecita concorrenza con minacce o violenza”. È il nuovo reato che i pm della procura di Roma Luca Palamara e Maria Cristina Palaia hanno ipotizzato nell’ambito dell’inchiesta sulla società di procuratori sportivi Gea. Intanto la lista degli indagati si allunga. Oltre che a Luciano Moggi, Chiara Geronzi e Franco Zagaglia, Il reato associativo è stato contestato anche ai “figli di papà”: Alessandro Moggi ( figlio di Luciano, direttore tecnico, della Juventus ) Davide Lippi (primogenito del ct della nazionale italiana, Marcello), Riccardo Calleri (il padre Gianmarco è stato presidente della Lazio), Giuseppe De Mita (figlio dell’ex leader politico Ciriaco). Inevitabili le preoccupazioni che desta l’inchiesta in corso sul clan azzurro, impegnato, come noto, nel campionato del mondo di calcio di Germania 2006. “Siamo in un momento in cui c’è una bufera in corso, nel senso che è una situazione che si riempie di contenuti giorno dopo giorno. Bisogna avere la capacità di gestirla». Lo ha detto il capo delegazione degli azzurri per i mondiali, Giancarlo Abete, riferendosi all’iscrizione nel registro degli indagati di Davide Lippi, figlio del Ct azzurro. Abete ha aggiunto che non ritiene che la vicenda possa incidere sul lavoro del commissario tecnico.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy