• Google+
  • Commenta
22 maggio 2006

L’aldiquà di Baldoni

“Ho lasciato la mancia al boia per essere sicuro che mi staccasse la testa in una volta sola”, canta Samuele Bersani in una delle nuove canzoni trat
“Ho lasciato la mancia al boia per essere sicuro che mi staccasse la testa in una volta sola”, canta Samuele Bersani in una delle nuove canzoni tratte dal suo ultimo album, “L’aldiqua”. Intitolato “Occhiali rotti”, questo pezzo, duro e poetico al tempo stesso, è dedicato alla memoria del free lance Enzo Baldoni, barbaramente ucciso nell’agosto 2004 in quell’Iraq martoriato da impenitenti tagliatori di teste. Solo a pensare ai versi di questa canzone, non possono non venirci in mente le immagini di quell’omone tanto appassionato da spingersi in parti del mondo ricche di storia e di storie da raccontare ai suoi inconsapevoli lettori. “Baldoni”, ha spiegato Samuele Bersani, “partì per l’Iraq dopo tanti viaggi nella disperazione…e pur in mezza ad essa non rinunciava all’ironia”. Quell’ironia che tutti noi, creduloni romantici, pensavamo sarebbe servita a salvargli la pelle, e invece niente da fare, la morte ha prevalso. Forse non la penserebbe proprio così il nostro amico Enzo: “Qui c’è allegria, è sempre così quando si sta vicino alla morte, è la rivincita della vita”, diceva pochi giorni prima di essere rapito in terra irachena.

Google+
© Riproduzione Riservata