• Google+
  • Commenta
9 maggio 2006

LIUC: Le clausole compromissorie statutarie nel nuovo diritto societario

Il decreto legislativo 2 febbraio 2006 n. 40, oltre alle modifiche al codice di procedura civile, in materia di cassazione in funzione nomofilattica, Il decreto legislativo 2 febbraio 2006 n. 40, oltre alle modifiche al codice di procedura civile, in materia di cassazione in funzione nomofilattica, ha apportato numerose e, per certi aspetti, radicali innovazioni al procedimento arbitrale. Come è noto, tale procedimento svolge una funzione, per certi aspetti, sostitutiva della giurisdizione. Né va sottaciuta l’accresciuta importanza che esso ha assunto, alla luce dell’introduzione, nel nostro ordinamento, del rito civile societario, con il D. Lgs. n. 5/2003, la cui disciplina si è distinta per la tensione, senza alcun dubbio, ragguardevole che le norme che lo prevedono, possiedono.

Il nuovo arbitrato, come previsto dal codice di procedura civile, ha ripreso alcune istanze di dottrina e giurisprudenza, tentando di dare una risposta alla necessità di maggior fiducia nella figura dell’arbitro, prevedendo un procedimento maggiormente elastico e svincolato da formalismi procedurali che ne arrischiavano l’efficacia e ponendo in chiaro, se ancora ve ne fosse bisogno, la natura e le caratteristiche del lodo, attraverso il disposto dell’art. 824 bis, che attribuisce ad esso, dalla data dell’ultima sottoscrizione gli effetti della sentenza pronunciata dall’autorità giudiziaria.

La necessità che le forme alternative all’esercizio della giurisdizione assumano un ampio novero di operatività, ha condotto, dunque, il legislatore verso opzioni normative interessanti e suggestive, sulle quali non mancheranno, dottrina e giurisprudenza, di far sentire la propria voce. Ci riferiamo alla convenzione d’arbitrato, i cui limiti oggettivi sono stati riassunti nella previsione di diritti indisponibili, come anche alla norma contenuta nell’art. 808 ter, che contiene la determinazione della natura contrattuale della decisione, assunta con arbitrato irrituale. Il convegno si pone, dunque, lo scopo di approfondire, tra le altre tematiche, quelle relativa all’impatto che potranno avere le innovazioni richiamate, assai rilevanti, che hanno ridisegnato la struttura del giudizio arbitrale.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy