• Google+
  • Commenta
14 giugno 2006

Anonimato all’Università

Per la prima volta in Italia l’Università si dota di un Regolamento sul trattamento dei dati sensibili.
Si tratta di un documPer la prima volta in Italia l’Università si dota di un Regolamento sul trattamento dei dati sensibili.
Si tratta di un documento, che permette al mondo accademico italiano di allinearsi alle normative europee, nel campo della privacy. Questo documento dà la possibilità, a ciascun Ateneo, di adottare il proprio Regolamento relativo al trattamento dei dati sensibili.
Tutto questo perchè le Università raccolgono, utilizzano e conservano enormi quantità di dati sensibili (origine etnica, opinioni politiche, convinzioni religiose etc.), anche a fini di ricerca, oltre che per la gestione del rapporto di lavoro con i propri dipendenti.
Il Codice di protezione dei dati personali prevede che per poter raccogliere, utilizzare, elaborare, conservare, comunicare dati sensibili, le amministrazioni pubbliche debbano adottare specifici regolamenti.
Questi regolamenti individuano e rendono noti ai cittadini quali dati vengono usati e per quali fini.
Lo schema di regolamento contiene una serie di schede articolate nelle quali vengono evidenziati, le finalità rilevanti di interesse pubblico per trattare i dati sensibili.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy