• Google+
  • Commenta
7 giugno 2006

Napolitano è il nuovo presidente delle Repubblica

La notizia è su ogni giornale, sulla bocca di tutti i media: è ufficiale, è stato eletto il nuovo Presidente della Repubblica
La notizia è su ogni giornale, sulla bocca di tutti i media: è ufficiale, è stato eletto il nuovo Presidente della Repubblica che durerà in carica, come prescrive la nostra Costituzione, per i prossimi sette anni.
In vista della scadenza del mandato di Carlo Azeglio Ciampi si era diffusa, tra le varie forze politiche, l’idea di una rielezione; quest’ultimo però si è trovato costretto a rifiutare l’offerta per ragione di età, informando i presidenti di Camera e Senato che rassegnerà le dimissioni il giorno stesso del giuramento del nuovo presidente della Repubblica.
Inizia così il farsi avanti di alcuni dei più noti personaggi politici schierati dai vari partiti: Letta per la destra e D’Alema per la sinistra ma, vista l’impossibilità di accordo, l’Unione ha cercato di allargare il consenso attorno al proprio candidato, Giorgio Napolitano, a quelle componenti del centrodestra che avevano già palesato il proprio apprezzamento per il candidato del centrosinistra. Dopo tre fumate nere, il Parlamento ha conferito al senatore a vita , Giorgio Napolitano, la carica di undicesimo presidente della Repubblica italiana con 543 voti contro i 505 del quorum richiesto; risultato di varie trattative tra l’Unione e l’opposizione che, come aveva annunciato, non ha votato e ha consegnato la scheda bianca.
La Casa delle Libertà, guidata da Silvio Berlusconi, si era opposta al nome di Napolitano poiché gli elettori del centrodestra non avrebbero capito il sostegno ad un appartenente al partito comunista; anche L’UDC di Casini ha sostenuto la linea della CDL
Le critiche tra le file dell’opposizione non tardano a farsi sentire , “C’è stata l’occupazione di tutte le alte cariche istituzionali da parte della sinistra”: ha commentato Silvio Berlusconi ma, nonostante il mancato accordo Polo-Unione, ha voluto fare un augurio al nuovo capo dello Stato: “Voglio esprimere i nostri auguri di buon lavoro al nuovo presidente Giorgio Napolitano e auspichiamo che intenda svolgere il ruolo che la Costituzione gli assegna con vera imparzialità”. Anche il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini rivolge sinceri auguri al neoeletto, evidenziando la stima nutrita nei suoi confronti dichiarando: “Sono convinto che saprà essere garante di tutti gli italiani e non mancherà in questo ruolo così delicato la collaborazione responsabile della opposizione democratica”. Grande gioia per il centrosinistra: Napoletano è stimato per la carriera politica alle spalle: l’ex presidente della Camera, 81 anni, era stato presidente della Camera dei Deputati nella XI legislatura e Ministro dell’interno nel governo Prodi nonché deputato dal 1953 al 1996 e senatore a vita dal 2005.
Il presidente uscente è stato tra i primi a congratularsi con il suo successore evidenziando che il popolo italiano lo ha accolto con fiducia e speranza vedendo in lui un garante dei valori della nostra Repubblica . Ha chiuso il suo discorso con i migliori auguri di buon governo e con un auspicio: ”L’affetto degli italiani sia di costante sostegno e di incoraggiamento, nell’esercizio delle sue funzioni di supremo garante delle nostre istituzioni repubblicane”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy