• Google+
  • Commenta
30 agosto 2006

Dalle assicurazioni alle Asl, come fare formazione recitando

Le tasse, si sa, sono un argomento spinoso per molti: c’è chi non dichiara e chi elude più o meno creativamente. Tanto creativamen

Le tasse, si sa, sono un argomento spinoso per molti: c’è chi non dichiara e chi elude più o meno creativamente. Tanto creativamente che i dipendenti dell’ Agenzia delle entrate di Bologna hanno deciso di far diventare i malvezzi uno spettacolo. Teatrale. Per fare questo raccolgono casi, fanno indagini, impostano la regia, si danno le parti, studiano costumi e scenografie, pensano e suonano la colonna sonora adatta e danno infine vita a “53. “53” è una pièce aperta al pubblico che è stata presentata per la prima volta l’anno scorso a Bologna al Compa, la fiera della Comunicazione nella pubblica amministrazione e poi replicata in Veneto e su altre piazze.

Ed è con il teatro d’impresa che la Zurigo Assicurazioni è riuscita a far superare ai suoi agenti le resistenze che avevano nel proporre ai clienti le polizza vita. Si è infatti organizzata una vera e propria tournée in 10 spettacoli che trattava della morte e della vita, da un punto di vista filosofico ma anche ironico e persino comico.

Per aiutare i medici nel difficile rapporto con i pazienti diabetici, la Guidotti Farmaceutica ha dato carta bianca a un gruppo di dipendenti per trattare il problema organizzando drammatizzazioni teatrali su casi di vita vissuta e specifici momenti d’aula.

Quando si è trattato di informare i dipendenti sulla nuova normativa sulla privacy — spiega Mariangela Berti, responsabile dei progetti formativi del Cct, il centro di formazione della Camera di commercio di Bologna e consigliere dell’ Aif, l’ Associazione italiana formatori — il Policlinico Sant’Orsola Malpighi di Bologna, ha pensato che un modo efficace per aggiornare i dipendenti sulle nuove norme passasse anche attraverso una loro maggiore sensibilizzazione sul diritto di riservatezza dei pazienti. Per fare questo ha quindi chiesto a un gruppo misto di medici, infermieri e amministrativi di mettere in scena una pièce teatrale in cui rappresentare casi limite realmente accaduti, che anticipava una classica lezione d’aula.

Ma, il teatro di impresa può servire anche a far gruppo. E’ il caso della Avanzi, azienda ottica italiana, che nella fusione con una realtà olandese si è trovata di fronte a un problema di incomunicabilità : un manager ha chiesto a un gruppo di questi di mettere in scena uno spettacolo proprio sull’incontro/scontro di culture aziendali diverse.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy