• Google+
  • Commenta
4 settembre 2006

Catanzaro: 6000 domande per i concorsi di ammissione a numero programmato

Numeri record all’Università Magna Graecia per la partecipazione ai concorsi di ammissione a numero programmato nazionale per l’anno

Numeri record all’Università Magna Graecia per la partecipazione ai concorsi di ammissione a numero programmato nazionale per l’anno accademico 2006/2007.

Più di 6.000, infatti, sono state le domande complessive presentate per partecipare alle prove di ammissione per le lauree specialistiche in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Medicina Veterinaria, e per i corsi di laurea triennale nelle Professioni Sanitarie.

Sono quasi 4.200 le domande per i 720 posti disponibili nei 7 corsi di laurea triennale attivati nelle Professioni Sanitarie, un settore su cui l’Ateneo sta investendo molto a livello strategico; 1.200 le domande per la partecipazione al concorso di ammissione per Medicina e Chirurgia, dove i posti disponibili sono 80; più di 150 per Medicina Veterinaria.

Il dato è ancor più rilevante per Odontoiatria e Protesi dentaria, dove le domande sono state quasi 450, se si considera che, rispetto allo scorso anno accademico, vi è stata una riduzione di 15 posti da parte del Ministero dell’Università e della Ricerca, dovuta alla mancanza di risorse non ancora attivate dalla Regione presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini.

“Sono dati – ha evidenziato la professoressa Patrizia Doldo, delegato del Rettore per la Didattica – che segnalano la qualità della nostra didattica in ambito medico, e che si esplicitano in numeri molto significativi. All’interno di questi dati generali, è doveroso segnalare il dato di Odontoiatria e Protesi dentaria che rileva due tendenze: l’alta qualità dell’insegnamento per tali discipline nella nostra Università e il picco di un trend di crescita costante che si verifica ormai da anni. Proprio per questo appare anacronistica la riduzione di 15 posti imposta dalla burocrazia nazionale e regionale. Un provvedimento del genere va a colpire direttamente quelle centinaia di giovani che vogliono intraprendere tale professione e le famiglie che ripongono molte delle loro aspettative in questo settore importante della formazione.”

Sono molti di più quindi i giovani, non solo calabresi, ma anche di altre regioni italiane, che scelgono l’Ateneo di Catanzaro per la prosecuzione dei propri studi, dimostrando nei fatti l’altissima qualità nella formazione e nella didattica raggiunta dall’Università Magna Græcia, per come ormai viene riconosciuto anche a livello nazionale, grazie alle attività avanzate di studio e ricerca svolte nelle moderne strutture universitarie del Campus di Germaneto. Un dato rilevante che dimostra la crescita considerevole dell’Ateneo negli ultimi anni sia qualitativamente che quantitativamente, basti pensare alle iscrizioni raddoppiate nel giro di 5 anni.

“Questa forte richiesta di formazione che proviene dal territorio regionale, e non solo, – ha detto il preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia, il professor Francesco Saverio Costanzo – testimonia il valore e la qualità dei nostri corsi di laurea e le attese di tanti giovani che chiedono al nostro Ateneo percorsi formativi d’eccellenza per guardare con più sicurezza al mondo del lavoro grazie alle competenze e alla professionalità acquisite durante i propri studi universitari. Ma soprattutto vuole rappresentare un’opportunità importante di crescita e sviluppo economico per tutto il territorio. È anche la dimostrazione più evidente che l’opinione pubblica ha ben accolto il dato che pone la nostra Facoltà di Medicina e Chirurgia tra le primissime in Italia per quanto riguarda la qualità e la produttività della ricerca.”

“Tutti questi dati – ha sottolineato il Rettore Salvatore Venuta – rappresentano pertanto motivo di grande soddisfazione per il nostro Ateneo e sono lo sprone a proseguire nel progetto scientifico-culturale che ha trovato la sua più piena concretizzazione nel Campus di Germaneto, la nostra sfida per il futuro della formazione e della ricerca. Una sfida in gran parte già vinta: il Campus è la più solida dimostrazione che anche nel Meridione è possibile sognare e dare risposte concrete e avanzate a una terra, la Calabria, che ha un forte bisogno di sviluppo e innovazione. Il Campus di Germaneto è realmente un segno della vitalità di questa terra, frutto di un progetto ambizioso per aprire concretamente il futuro ai nostri giovani. Non vogliamo però fermarci a quello che è stato fatto finora, ma continuare questo cammino per fare ancora di più.”

Il numero di domande presentate è destinato ancora a crescere, considerato che sarà possibile, entro il prossimo mese di settembre, partecipare ai concorsi di ammissione alle lauree specialistiche a numero programmato nazionale nelle Professioni Sanitarie, che richiamano studenti da tutte le regioni italiane per l’eccellenza del percorso formativo offerto, e ai concorsi di ammissione per la laurea specialistica a ciclo unico in Farmacia, per lauree triennali in Biotecnologie, Scienze Motorie, Operatore di Servizio Sociale e per quelle specialistiche in Biotecnologie Mediche Veterinarie e Farmaceutiche, in Scienze Motorie e in Scienze del Servizio Sociale.

Google+
© Riproduzione Riservata