• Google+
  • Commenta
19 ottobre 2006

Catanzaro: Seminario sulla contro pulsazione aortica

Tutti gli aspetti inerenti la contropulsazione aortica nella pratica clinica, l’impiego di questa tecnica e l’esperienza d’avanguardia sviluppa

Tutti gli aspetti inerenti la contropulsazione aortica nella pratica clinica, l’impiego di questa tecnica e l’esperienza d’avanguardia sviluppata dall’Università Magna Græcia sono stati affrontati durante il ciclo di seminari di Medicina e Chirurgia Cardiovascolare dell’Ateneo nel corso dell’incontro che si è svolto, nei giorni scorsi, presso l’Edificio delle Bioscienze al Campus di Germaneto.

La contropulsazione aortica, il più diffuso sistema di assistenza circolatoria temporanea, è una tecnica che viene impiegata sia per ridurre l’ischemia miocardica e sia per assistere il ventricolo nella fase di scompenso acuto. Ideata negli anni sessanta, questa tecnica, fino a poco tempo fa, era seguita da una serie di complicanze: oggi, invece, grazie alle moderne tecnologie, la contropulsazione aortica può essere impiegata a basso rischio e riveste un ruolo molto importante nel trattamento del miocardio ischemico e mal funzionante.

I seminari, giunti ormai alla terza edizione, sono organizzati dal professor Attilio Renzulli, direttore dell’Unità Operativa di Cardiochirurgia, e patrocinati dall’Università Magna Græcia e dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini.

Ha coordinato i lavori della giornata il professor Ciro Indolfi, Direttore dell’Unità Operativa di Cardiologia Interventistica e Direttore della Scuola di Specializzazione in Cardiologia presso l’Università Magna Græcia.

Sono intervenuti al seminario il dottor Antonino Buffon dell’Unità Operativa di Cardiologia dell’Ospedale Civico Annunziata di Cosenza che ha relazionato sull’impiego del contropulsatore aortico in una divisione di cardiologia, il professor Indolfi che ha spiegato l’applicazione della contropulsazione aortica nella cardiologia interventistica, la dottoressa Lucia Cristodoro dell’Unità Operativa di Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera Mater Domini che, riportando l’esperienza dalla Cardiochirurgia universitaria di Catanzaro, ha illustrato, nel dettaglio, come la contropulsazione aortica possa incidere nel miglioramento della qualità della rivascolarizzazione miocardica, il dottor Antonio Butera dell’Unità Operativa di Cardiologia del Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme che ha relazionato sulle opzioni terapeutiche per lo shock cardiogeno, l’infermiere professionale Anna Froio, che, concludendo i lavori, si è soffermata sul ruolo dell’infermiere nell’impianto e nella gestione della contropulsazione aortica.

Di grande interesse e attualità la lettura magistrale sulla contropulsazione aortica tenuta dal professor Jan Christenson dell’University Hospital di Ginevra, che può vantare una grossa esperienza nel campo, e che ha indicato le indicazioni e le controindicazione principali della contropulsazione aortica in cardiochirurgia.

“È importante – ha sottolineato il professor Renzulli – diffondere questa tecnica anche al di fuori dell’ambiente cardiochirurgico, permettendo così di ridurre i danni di un infarto miocardico specialmente nei pazienti che poi avranno bisogno di un intervento chirurgico. Ecco perché questo incontro ci vede impegnati insieme ai cardiologi nello stabilire le linee guida e nell’allargare le indicazioni per l’impiego di questo presidio che è diventato di estrema importanza.”

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy