• Google+
  • Commenta
13 ottobre 2006

Il vero volto della Politica

Troppa libertà! Questo è il modo di definire la vita Politica di oggi.
Si Signori, avete capito benissimo, la Politica non &egrav

Troppa libertà! Questo è il modo di definire la vita Politica di oggi.
Si Signori, avete capito benissimo, la Politica non è quella che sembra. Una folla di atteggiamenti emotivi e ipocritamente moralistici, un intrecciarsi tra privacy, libertà d’informazione e invocazioni dell’assoluta trasparenza dei parlamentari stanno facendo apparire inestricabile una questione che, almeno nella sua origine, è invece assai chiara riguardante il modo in cui si misura e si garantisce la democraticità di un sistema, che impone di considerare la legalità un bene primario e non un optional che ciascuno, giornalista o politico o cittadino comune, aggiusta secondo le proprie convenienze.
Parliamo di CANNABIS e STUPEFACENTI vari, che una gran parte di politici a livello nazionale, ha dimostrato di aver utilizzato, durate un’analisi fattagli a sorpresa. Tutto questo è stato reso pubblico dalle note: “Iene” quelle che senza paura portano spesso la verità a galla, dimostrandoci questa volta che il mondo è tutto un trucco, fatto di bugie e soprattutto di convenienze.
I dati personali raccolti dalle Iene non sono informazioni qualsiasi. Sono dati “sensibili”, perché si tratta di informazioni di carattere sanitario, rivelatrici di una condizione particolare della persona, alle quali in tutto il mondo le leggi sulla privacy riservano una tutela particolarmente intensa.. Sono dati che possono essere raccolti con estrema facilità, in un qualsiasi momento della nostra giornata, ad esempio bevendo un caffè oppure tagliandosi semplicemente i capelli, buttando per strada un fazzoletto di carta, o un mozzicone appena utilizzato, insomma in qualsiasi modo. Il materiale genetico contenuto nella saliva o nei capelli è alla portata di tutti, e può essere adoperato non solo per scoprire tracce di stupefacenti, ma per individuare malattie in atto o che potrebbero manifestarsi in futuro. Questo però, ci mette in contatto con tutta la famiglia del soggetto di cui si raccoglie materiale genetico.
Molte persone si sono lamentate riguardo alla privacy ma Io, dico NO! Non possono essere persone che votano contro la legalizzazione delle droghe leggere avendo contatto diretto con sostanze stupefacenti, altrimenti diverremmo come gli Americani, che hanno messo più volte a capo del loro stato, Leader che erano tossico dipendenti di Cannabis e molte altre sostanze.
Bisogna dare l’esempio affinché noi ragazzi evitiamo una volta e per sempre di utilizzare queste sostanze, che gravitano alla nostra salute fisica e mentale.
Ho scoperto però che con mia grande sorpresa, che Politici e giovani o persone normali fanno uso di droghe, che molti definiscono leggere ma che in realtà non lo sono affatto, per semplice svago dalla noia quotidiana. Il mondo è cambiato e senza rendercene conto siamo cambiati con lui!
Sanzioniamo senza paura chi usufruisce di droghe, evitando così molti problemi.
Questo è un grido disperato ma bisogna urlare insieme potendo così un giorno metter fine a tutte queste realtà che ci riempiono di disonore, e di ignoranza.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy