• Google+
  • Commenta
30 ottobre 2006

Laureati stranieri nel Belpaese

Gli iscritti stranieri nelle università italiane sono in aumento, se ne contano oltre 38.000. I Paesi di provenienza sono i più disp

Gli iscritti stranieri nelle università italiane sono in aumento, se ne contano oltre 38.000. I Paesi di provenienza sono i più disparati dall’Albania, alla Grecia, dalla Romania al Camerun. Si iscrivono per diventare medici, economisti, letterati e ingegneri e frequentano maggiormente gli atenei del Nord d’Italia.
Questo stato delle cose esce fuori da uno studio del Centro Studi Sintesi di Venezia che ha analizzato le caratteristiche degli iscritti e dei laureati nell’Università italiana.
Sono stati utilizzati dati del Ministero dell’Università e della Ricerca riferiti agli studenti aventi cittadinanza non italiana. La presenza di studenti con cittadinanza non italiana e’ un fenomeno che si e’ sviluppato in maniera evidente con il passare del tempo. Il peso degli stranieri con cittadinanza non italiana rispetto alla popolazione totale iscritta regolarmente ai corsi e’ nettamente cresciuto, passando dall’1,4% dell’anno accademico 1998 – 99 al 2,1% del. 2004 – 05.
Durante l’ultimo anno accademico la distribuzione degli studenti con cittadinanza non italiana non mostra invece alcuna differenza di rilievo con quella calcolata per l’intera popolazione universitaria. Particolarmente forte e’ stata la spinta registrata nell’anno accademico 2002 – 03 quando la crescita ha superato il 20%. Oltre il 40% degli alunni stranieri proviene dalle regioni fuori dalla UE a 25 mentre una percentuale rilevante e’ di appartenenza comunitaria, ma non mancano asiatici e africani, mentre coloro che giungono dalle americhe sono appena l’8% del totale. Le facoltà più frequentate dagli studenti stranieri sono quelle ad indirizzo medico, economico-statistico e letterario. Nel 2004 il numero di laureati stranieri sul totale dei laureati e’ stato dell’1,3%, con un incremento nell’ultimo anno del 22,4%. La recente riforma dell’Università ha facilitato sicuramente l’ottenimento della laurea attraverso l’istituzione dei corsi di laurea triennale. Se si osservano i tassi di variazione dei laureati nei diversi anni, si nota come proprio nel 2002, anno della riforma, vi sia stato un forte impulso di crescita nel numero di laureati, sostenuto in parte, anche dal fenomeno straniero. E’ il Nordest a prevalere tra tutte le aree del nostro Paese. Tutti i dottori con cittadinanza non italiana sono localizzati in questo territorio, assumendo anche la percentuale maggiore di soggetti rispetto al totale dei laureati italiani. A seguire vi e’ il Centro e il NordOvest che non mostrano grosse differenze. Il Meridione rimane comunque l’area nella quale si registra la minore presenza di dottori stranieri con un. La popolazione immigrata presente nel territorio nazionale delinea una tendenza demografica in costante ascesa. Secondo i più recenti dati forniti dall’Istat, il numero di residenti stranieri sfiorava i due milioni e mezzo di individui. L’afflusso sempre più intenso di stranieri nel nostro territorio e’ causato da motivi di lavoro e, in maniera crescente, anche da ricongiungimenti familiari. Questo fatto, che comporta una tendenza ad un più esteso ed effettivo inserimento nella nostra società, e’ un indizio basilare per comprendere la presenza di stranieri in giovane età. Diventa quindi necessario tracciare delle politiche a sostegno di questa realtà che continua e continuerà a crescere.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy