• Google+
  • Commenta
10 dicembre 2006

In & Out: la vita sessuale dei giovani universitari

Il principio è semplice: le discriminazioni subite dai giovani perché omosex o trans a scuola come all’università, in famig

Il principio è semplice: le discriminazioni subite dai giovani perché omosex o trans a scuola come all’università, in famiglia e tra gli amici indeboliscono il loro domani.
L´omofobia e la transfobia che aggrediscono i ragazzi modificano il loro futuro rendendolo, il più delle volte, di serie «B».
In seguito ad alcune ricerche è emerso che il problema dell’omosessualità varia da paese a paese. Mi ha sorpreso la Francia, un paese caldo ma allo steso tempo aperto, dove l’essere “GAY” non è un problema, dando in questo modo ai suoi abitanti una vita serena, senza insulti e discriminazioni.
E’ un problema che c’è dall’inizio dei secoli, che cerchiamo di combattere perché ne abbiamo paura! Nessuno mai però ha provato a capire il perché. “Cosa ci rende omofobici?”
Beh credo la totale ignoranza sull’argomento. Inizialmente è questo quello che ci mette in posizione di difesa neanche stessimo andando a combattere una guerra in Iraq. No il motivo è un altro. Abbiamo paura! Probabilmente pensiamo che l’omosessualità possa contaminarci, tanto da poterlo sentire sull’epidermide, dentro di noi. Questo è un problema serio perché molti giovani, italiani e non, nascondono la loro sessualità per il terrore delle discriminazioni.
Ho degli amici gay e non cambierei la loro amicizia con niente al mondo. Sono persone eccezionali che si aprono totalmente solo con chi gli da pace, quella pace che li fa sentire a proprio agio nel mondo esterno, quello, che ogni giorno viene compromesso. Vedere molte discriminazioni però non ha fatto che spronarmi e capire che cosa pensano sull’argomento i vari studenti universitari d’Italia.
Alcuni mi hanno risposto con molta tranquillità nell’affrontare l’argomento: “La vivono con indifferenza, perché non c’è nulla di male. Dov’è lo scandalo? Da nessuna parte! Le attività e le inclinazioni sessuali non possono inficiare il personaggio. Non c’è nulla di male, e sappiamo anche che l’omosessualità in molti casi è stata presente in geni quali Michelangelo, Alessandro Magno, e addirittura Leonardo Da Vinci”.
Probabilmente chi è gay, ha un dono, un regalo fattogli da Dio. Quello di poter contribuire al mondo con la propria genialità. Forse sono solo fortunati e nient’altro.
Beh qualcuno mi ha anche risposto con molta discriminazione :“Essere gay è sbagliato, è contro natura!”
Non contento ho cercato in giro, ho chiesto la stessa cosa ad un mio amico gay.
La sua risposta è stata, per me, molto esaustiva: “Nella vita caro Francesco c’è discriminazione. C’è sempre stata, tra bianchi e neri, tra i cristiani e musulmani e non mi sorprende affatto che ci sia anche tra eterosessuali e omosessuali. Per me le cose cambieranno quando ci sarà una mentalità più aperta come quella parigina, ad esempio, che senza problemi ha eletto come sindaco un omosessuale. Il primo passo per sconfiggere la paura è affrontarla e conoscerla, solo così si potrà combattere questa lotta!”
Credo sia una scelta razionata considerare maggiormente il tema trattato, a volte un gay può essere il nostro eroe. Ragazzi camminate orgogliosi per le strade perché nessuno ha il diritto di giudicare! NESSUNO!

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy