• Google+
  • Commenta
19 dicembre 2006

Parla cinese l’Ateneo di Torvergata

Esistono delle lingue che creano una naturale diffidenza probabilmente a causa della distanza, non solo geografica, che le separa dalla cultura

Esistono delle lingue che creano una naturale diffidenza probabilmente a causa della distanza, non solo geografica, che le separa dalla cultura mediterranea, ma anche per alcune loro sostanziali differenze rispetto al nostro ceppo di origine.
E’ questo il caso della lingua cinese.
Appartenente alla famiglia delle lingue sino-sibetane (vasto gruppo di lingue parlate in Asia), il cinese è considerata un’unica lingua anche se in realtà la sua variabilità da regione a regione è paragonata a quella delle lingue romanze.
I dialetti che la compongono sono otto ma solo uno, il mandarino standard, è quello utilizzato da oltre un miliardo di popolazione cinese.
In cinese le parole scritte vengono definite caratteri ciascuno rappresentato da uno o più tratti che compongono una figura e ogni carattere, tracciato in un certo ordine, esprime una parola o un concetto.
La differenza sostanziale rispetto alle lingue europee, definite flessive, è la mancanza di alfabeto, di coniugazione dei verbi e articoli mentre lingue come il cinese, definite isolanti, subiscono poche variazioni anche nel caso in cui si voglia utilizzarle al plurale.
Il corso di cinese che aprirà i battenti il 20 dicembre presso l’Università di Torvergata, nasce con l’intento di travalicare i limiti di questa lingua così diversa ma, proprio per questo, così affascinante per suono, storia e cultura.
Il corso, interamente gratuito, è rivolto a persone che non hanno alcuna conoscenza della lingua ed è articolato il 36 lezioni pomeridiane bisettimanali, ciascuna della durata di circa un’ora e mezza.
I contenuti del corso consistono in nozioni elementari sulla sintassi, spiegazione e commento sull’origine e significato delle parole insegnate e informazioni sulla cultura cinese.
Gli insegnanti sono il dr. Zhonghui Qian e la dr.ssa Xiaohong Lan.
Per informazioni e adesioni si possono inviare delle e-mail ai seguenti indirizzi : zhonghui.qian@uniroma2.it oppure relazioni.internazionali@uniroma2.it.

Google+
© Riproduzione Riservata