• Google+
  • Commenta
4 dicembre 2006

Torino: i cento anni di Beckett

Per celebrare i cento anni dalla nascita di Samuel Beckett, il celebre drammaturgo, scrittore e poeta irlandese che ancora oggi ricordiamo soprattuttoPer celebrare i cento anni dalla nascita di Samuel Beckett, il celebre drammaturgo, scrittore e poeta irlandese che ancora oggi ricordiamo soprattutto per la monumentale opera teatrale “Aspettando Godot”, il DAMS e il Centre Culturel Français di Torino organizzano due giornate di incontri e dibattiti sul pensiero di Beckett nei giorni quattro e cinque dicembre nei quali verranno riproposte le problematiche principali che emergono dall’interpretazione del testo originale, e con la partecipazione di due importanti attori di teatro come Rufus e Franco Branciaroli saranno presentate alcune significative letture.Se il genio teatrale di Beckett è degnamente rappresentato da Aspettando Godot, la sua opera narrativa più importante è senza dubbio la serie di romanzi scritti tra il 1951 e il 1953:”Molloy”, “Malone muore” e “L’Innominabile” che rappresentano il distacco dall’influenza che Joyce aveva avuto su di lui nei primi romanzi andando a descrivere l’impossibilità di trarre un qualsiasi senso compiuto dalla realtà.
Gli incontri organizzati presso l’Università di Torino e che indagheranno l’affascinante pensiero di Beckett impreziositi ulteriormente dalla presenza di Rufus e Franco Branciaroli sono gli ingredienti giusti per due giornate interessanti a cui vale la pena assistere.

Google+
© Riproduzione Riservata