• Google+
  • Commenta
1 dicembre 2006

Udine: macchinario per una malattia sconosciuta

Le malattie delle ciglia respiratorie, identificate solo da pochi anni, colpiscono mediamente una persone su 5 mila. In Friuli Venezia Giulia si

Le malattie delle ciglia respiratorie, identificate solo da pochi anni, colpiscono mediamente una persone su 5 mila. In Friuli Venezia Giulia si stima che venga diagnosticato solo un decimo degli ammalati e che ogni anno nascano dalle due alle tre persone con questo importante problema. In assenza di una diagnosi precisa, i pazienti sono costretti a ricorrere a diverse cure e a diversi medici, senza poter conoscere la causa dei loro problemi, che consistono in continue infezioni respiratorie, sia dei polmoni, sia delle altre strutture respiratorie (naso, orecchio, gola, seni paranasali). Un altro problema che deriva da questa malattia è l’infertilità per gli uomini e in una fertilità ridotta con gravidanze extrauterine per le donne, ma con un semplice intervento ginecologico la coppia può comunque avere figli.

Vista la rilevanza del problema, il Servizio di Allergo-Pneumologia Pediatrica della Clinica di Pediatria dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine, che attualmente segue una ventina di questi pazienti, tra pediatrici e adulti, ha deciso di dotarsi di uno strumento innovativo, unico del genere in Friuli Venezia Giulia e fra i pochi in Italia. Il macchinario in pochi minuti esamina il movimento e la qualità delle ciglia respiratorie prelevate dal naso con un semplice spazzolino.

L’ apparecchio, un microscopio a contrasto di fase con fotomoltiplicatore e registratore del battito, è stato donato dalla Banca Popolare di Cividale all’Associazione allergie e pneumopatie infantili (Alpi), che ha deciso di cederlo al nosocomio udinese. Il nuovo macchinario sarà presentato, con una dimostrazione pratica sul suo funzionamento, lunedì 4 dicembre alle 11.30 nei locali della biblioteca della Clinica pediatrica, al primo piano del Padiglione Petracco dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine. Nella circostanza avrà pure luogo la consegna ufficilae al Comitato procinciale di Udine della Croce Rossa Italiana di tre autovetture Fiat Panda per il servizio socioassistenziale svolto dalle sedi di Cividale, Gemona e Tolmezzo acquistate grazie al contributo della banca cividalese.

Google+
© Riproduzione Riservata