• Google+
  • Commenta
23 dicembre 2006

UniAdrion, una rete di atenei per una formazione sull’altra sponda dell’Adriatico

Con l’ingresso dal prossimo anno di Bulgaria e Romania nell’Unione Europea si aprono per studenti e laureati italiani nuove opportunità di fo
Con l’ingresso dal prossimo anno di Bulgaria e Romania nell’Unione Europea si aprono per studenti e laureati italiani nuove opportunità di formazione e specializzazione nei Balcani.
Atenei e centri universitari che si affacciano sui mari Adriatico e Ionio hanno realizzato una rete multimediale per un’università virtuale che assicurerà la formazione a distanza.
Tra le università, Padova e Trieste formeranno esperti di cooperazione con il master di I° livello in “Progettazione e gestione delle attività di cooperazione e formazione per l’Europa centro-orientale e balcanica”. Il corso, in partenza a febbraio 2007, ha un costo di 4 mila euro. Ancora aperte le iscrizioni.
A gennaio esce il bando per il master in “Cooperazione inter-adriatica e sviluppo locale”, organizzato dalle università di Teramo, Bologna, Politecnica delle Marche-Ancona, Zara e Montenegro), che prevede 16 posti, di cui 8 per studenti italiani.
Nello stesso periodo dovrebbe essere bandito il concorso per l’ammissione al master in “Strumenti e metodi per la conservazione e valorizzazione dei beni culturali” delle università di Urbino, Mostar e Tirana.
Progetti anche dai singoli atenei. Istud sta preparando in Croazia due progetti sull’imprenditorialità.
Numerose le attività di formazione, master e dottorati di ricerca, finanziati dal Ministero dell’Università.
Per maggiori informazioni, visita i seguenti siti: www.miur.it (Ministero dell’Università), www.esteri.it (Ministero affari Esteri) , www.mincomes.it (Ministero Commercio Internazionale), www.uniadrion.net (UniAdrion), www.formazione.unipd.it (Università di Padova), www.istud.it (Fondazione Istud)

Google+
© Riproduzione Riservata