• Google+
  • Commenta
8 gennaio 2007

Formazione universitaria: l’UNESCO pensa all’Iraq

A due mesi dalla cerimonia d’accoglienza nell’Aula Magna della Sapienza, cinque decenti iracheni, arrivati il 6 novembre a Roma, stanno coA due mesi dalla cerimonia d’accoglienza nell’Aula Magna della Sapienza, cinque decenti iracheni, arrivati il 6 novembre a Roma, stanno completando il corso di formazione trimestrale presso le strutture dell’Università. Il programma è promosso dall’UNESCO per il consolidamento della democrazia e la ricostruzione economica in Iraq. L’iniziativa si inserisce nel quadro di una esplicita indicazione, formulata dalla Commissione Europea, tesa a sostenere le autorità irachene nel lavoro di implementazione dell’erogazione di servizi essenziali, tra i quali l’istruzione superiore. Una volta rientrati in Iraq, i docenti ospiti della Sapienza, potranno condurre attività di promozione della sviluppo di didattica e di ricerca nelle proprie istituzioni accademiche. La CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, ha promosso l’iniziativa presso tutte le università italiane, richiedendo esplicitamente la disponibilità all’accoglienza degli studiosi iracheni. Scontri interconfessionali, rappresaglie contro le forze armate americane, attentati a Ministri del Governo irakeno, a giornalisti ed esponenti di Organizzazioni Non Governative sconvolgono quotidianamente l’antica Mesopotamia. Tutto ciò, a dimostrare come non siano state sufficienti né la fine della dittatura di Saddam Hussein né l’indizione di libere elezioni per consolidamento della Democrazia in Iraq. Questo, nonostante la demagogia malsana dei potenti del mondo ci abbia fatto credere il contrario, assurgendosi il compito dell’«esportazione della democrazia», per giustificare i lori interessi. A quasi quattro anni dalla presa di Bagdad, in piena guerra civile, la formazione scolastica e universitaria sono alla base della ripresa civile ed economica di un Paese che sembra vivere una guerra senza fine. E l’iniziativa dell’UNESCO va proprio in questa direzione.

Google+
© Riproduzione Riservata