• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2007

Seminario di diritto

E’ dedicato all’importanza ed all’influenza della funzione giurisdizionale per l’ordinamento giuridico il terzo appuntamento dE’ dedicato all’importanza ed all’influenza della funzione giurisdizionale per l’ordinamento giuridico il terzo appuntamento dell’anno accademico 2006/2007 del ciclo di seminari “Istituzioni e dinamiche del diritto”, un’iniziativa che vede promotori la Prefettura di Modena – Ufficio Territoriale del Governo e la cattedra di Diritto costituzionale dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, la quale ha ricevuto il significativo patrocinio della Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno. Fissata per giovedì 18 gennaio 2007 alle ore 9.00 e ospitata presso l’Aula Magna dell’Accademia Militare di Modena (Piazza Roma 15) a Modena, concessa per l’occasione dal Comandante Gen. Francesco Tarricone e con la quale la facoltà di Giurisprudenza intrattiene solidi rapporti di scambio e collaborazione didattica, la giornata dal titolo “Dalla giurisdizione come applicazione della legge alla giurisdizione come creazione del diritto” si concentrerà sul potere giurisdizionale, riletto in un’ottica attenta a coglierne i profili evolutivi e maggiormente problematici di questi ultimi anni. “Se nella cultura giuridica – spiega il prof. Aljs Vignudelli, ordinario di Diritto costituzionale alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – il giudice è tradizionalmente considerato un mero esecutore della legge, oggi emerge, con crescente intensità, una diversa tendenza alla quale si assegna una funzione di creatrice di diritto. Tale orientamento ha trovato un’espressione particolarmente rilevante con riferimento alla valutazione della conformità alla Costituzione delle leggi e degli atti aventi forza di legge da parte della Corte Costituzionale, che negli ultimi anni ha assunto un ruolo politico estraneo al progetto Costituente”. L’incontro, che scaturisce da una duratura collaborazione iniziata nel 2004, ha come proprio obiettivo la promozione di rapporti di scambio tra le istituzioni proponenti soprattutto nell’ambito della formazione e dell’aggiornamento professionale e dello sviluppo dell’accoglienza di studenti dell’Ateneo per tirocini formativi presso la sede prefettizia. “Queste iniziative – commenta il Prefetto dott. Giuseppe Ferorelli – rappresentano un importante momento di snodo tra Istituzioni pubbliche e comunità e sono destinate ad un pubblico eterogeneo: funzionari dell’Amministrazione pubblica statale e territoriale, del mondo produttivo, del credito, dell’associazionismo rappresentativo di categoria e dell’area studentesca. Ribadisco la piena convinzione dell’utilità di occasioni di raccordo tra pubblico e privato nel segno di una sinergia di azioni che vede sempre maggiori e più frequenti fasce di sovrapposizione e interazione tra aree non sempre in rapporto fra loro. Un ringraziamento particolare all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, nella persona del Rettore prof. Gian Carlo Pellacani per la sensibilità e la disponibilità sempre mostrate nel favorire tali iniziative e un apprezzamento particolare a coloro i quali hanno curato gli aspetti organizzativi, primo fra tutti il prof. Aljs Vignudelli. Grazie anche ai sostenitori Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banco Popolare di Verona e Novara, Unicredit Banca, Camera di commercio e Confindustria di Modena. E grazie anche alla Fondazione Collegio San Carlo per aver messo a disposizione le proprie strutture”. Alla giornata di lavori parteciperanno alcuni dei più noti ed autorevoli interpreti del diritto, docenti dell’Ateneo di Modena e Reggio Emilia e di altri Atenei italiani. Ad aprire i lavori saranno il Pro Rettore dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia prof. Rodolfo Cecchi ed il Prefetto di Modena dott. Giuseppe Ferorelli. Il programma della giornata continuerà con una scaletta molto densa di contributi. Toccherà al prof. Aljs Vignudelli introdurre e presiedere la sessione mattutina, che avrà inizio con il contributo del prof. Sergio Bartole dell’Università degli studi di Trieste su “La giustizia costituzionale dalla Costituzione scritta al diritto vivente” e proseguirà con gli interventi di: prof. Giuseppe Ugo Rescigno dell’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma su “La magistratura come potere dello Stato: i principi di autonomia ed indipendenza”; prof. Riccardo Guastini, docente dell’Università degli studi di Genova che parlerà de “L’interpretazione giudiziale” e prof. Nicolò Zanon dell’Università Statale di Milano che recherà un approfondimento su “Corte di Giustizia e giurisdizioni interne”. Ad aprire e presiedere la sessione pomeridiana sarà il prof. Augusto Barbera dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, che precederà gli interventi svolti da: prof. Roberto Romboli dell’Università degli studi di Pisa su “La natura della Corte costituzionale alla luce della sua giurisprudenza più recente”; prof. Vincenzo Caputi Iambrenghi dell’Università degli studi di Bari su “La funzione giustiziale della pubblica amministrazione”; prof. Adriano di Pietro dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna su “La giustizia tributaria”; prof. Giuseppe De Vergottini dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna su “Tribunali militari ed ordinamento generale dello Stato”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy