• Google+
  • Commenta
6 febbraio 2007

Banda larga: all’ateneo friulano studiosi a confronto da 20 paesi

Come sarà l’utilizzatore di domani in una società a banda larga, cioè dotata di un alto livello tecnologico in cui è

Come sarà l’utilizzatore di domani in una società a banda larga, cioè dotata di un alto livello tecnologico in cui è possibile trasmettere allo stesso tempo immagini, suoni, testi e dati? Quali saranno i servizi, le funzioni, ma anche le convergenze o intermedialità che gli utenti premieranno? È questa l’interessante tematica che verrà affrontata nel corso del meeting internazionale del Cost 298 “Participation in the Broadband Society” che si terrà a Udine e Pordenone dall’8 al 10 febbraio. Al convegno, organizzato da un comitato scientifico internazionale di cui fanno parte i docenti dell’Università di Udine Leopoldina Fortunati e Marco Rossitti che sono gli organizzatori di questo meeting, interverranno studiosi provenienti da una ventina di Paesi, tra cui Svezia, Cipro, Irlanda, Russia, Finlandia. Giovedì 8 febbraio alle 9.30 nella Sala del Consiglio di Palazzo Florio a Udine il prorettore Maria Amalia D’Aronco porterà il saluto dell’Ateneo agli ospiti. I lavori proseguiranno per tutta la giornata con sessioni parallele che si svolgeranno anche a Palazzo Caiselli. “Il Cost – spiega Fortunati – è un programma di cooperazione europea nel campo della ricerca scientifica e tecnologica. L’Università di Udine, assieme alla Fondazione Bordoni, rappresenta l’Italia nel network di ricerca, rappresentato dall’azione Cost 298. Vi aderiscono più di 20 Paesi europei. Durante il meeting che abbiamo organizzato a Udine e Pordenone saremo collegati in videoconferenza con il prof. Francesco Fedi, presidente del Cost a livello europeo, e verranno gettate le basi per la programmazione di un meeting di rilievo internazionale che si terrà in maggio in Russia”. I lavori proseguiranno venerdì 9 e sabato 10 a Palazzo Montereale Mantica di Pordenone, dove venerdì alle 9 gli studiosi saranno accolti dal sindaco Sergio Bolzonello e dal presidente della Camera di Commercio Giovanni Pavan.

Al meeting interverranno i docenti dell’Università di Udine Luca Di Gaspero, Alberto Stefanel ed Elisabetta Bergamini. Di Gaspero, del Dipartimento di Ingegneria elettrica gestionale e meccanica, parlerà di “Applicazioni mobili e contestuali su dispositivi mobili, destinate a utenti mobili” e presenterà il progetto MoBe per rendere i cellulari oggetti attivi che si adattano all’ambiente e più in generale al contesto in cui l’utente si trova, modificando continuamente le proprie modalità di utilizzo. Alberto Stefanel del Dipartimento di Fisica interverrà su “Ambienti web per potenziare la formazione degli insegnanti di scuola primaria nella didattica della fisica” e presenterà con Marisa Michelini una ricerca mirata alla progettazione di strategie formative che impiegano strumenti e materiali della didattica scientifica, offrendo opportunità per la personalizzazione del percorso formativo e creando sinergia tra attività in presenza e in rete. Infine Elisabetta Bergamini del Dipartimento di Scienze giuridiche parlerà de “I diritti degli utenti nel diritto comunitario” e approfondirà il tema del diritto degli utenti ad ottenere servizi di alta qualità a prezzi inferiori, nei settori qualificati di interesse generale, come quello delle telecomunicazioni.

Google+
© Riproduzione Riservata