• Google+
  • Commenta
22 febbraio 2007

Macerata: Ministro tunisino, incontro anticipato e laurea h.c a Ben Alì

E’ stato anticipato di mezz’ora l’incontro con il Ministro dell’Istruzione superiore e della Ricerca scientifica tunisino, M. Lazhar Bououni organizzaE’ stato anticipato di mezz’ora l’incontro con il Ministro dell’Istruzione superiore e della Ricerca scientifica tunisino, M. Lazhar Bououni organizzato questa mattina dall’Università di Macerata alla Facoltà di Scienze politiche.
Bououni, infatti, che era accompagnato dall’Ambasciatore di Tunisia, Habib Mansour, è dovuto correre a Milano per un importante incontro istituzionale. Nonostante il cambiamento di programma, l’Aula Abside che ha ospitato il convegno era gremita di docenti e studenti, che hanno partecipato attivamente al colloquio con il ministro tunisino.
L’inserimento delle donne nel mondo del lavoro, l’avvio di un piano di sviluppo del turismo locale, la valorizzazione del patrimonio artistico locale: queste alcune delle principali linee d’azione – illustrate da Bououni – attuate dal governo tunisino sul fronte dello sviluppo dell’istruzione e della ricerca scientifica in Tunisia. Proprio in ragione di queste scelte, l’Università di Macerata ha deliberato di conferire una laurea honoris causa al presidente della Tunisia Ben Ali. Lo ha rivelato il rettore, Roberto Sani. “Il presidente Ben Ali – ha motivato il Sani – ha svolto un’incisiva e illuminata opera per lo sviluppo di questi settori. Inoltre, ha sostenuto con azioni di grande significato la realizzazione del dialogo tra i popoli e i governi del bacino mediterraneo”.

Il rettore, nel corso del suo intervento, ha quindi illustrato al Ministro la collaborazione instaurata dall’Ateneo maceratese con l’Università di Gafsa e con il sistema universitario tunisino in settori strategici e di mutuo interesse per entrambi i Paesi: la formazione linguistica e l’approfondimento delle rispettive culture e civiltà; la promozione della cultura d’impresa e l’avvio di progetti nel campo delle risorse umane, del turismo, dell’e-learning e dell’innovazione scientifica e tecnologica; la preparazione degli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado; lo scambio di docenti e studenti e l’avvio di manifestazioni culturali volte a promuovere la conoscenza diffusa di Italia e Tunisia; infine, l’avvio di scavi archeologici. “Con questi – ha spiegato il rettore – si vuole riportare alla luce monumenti e testimonianza di un passato che ha visto i popoli del bacino del Mediterraneo operare per la costruzione di una comune civiltà, le cui radici sono oggi il punto di partenza per una rinnovata cooperazione tra i popoli e gli Stati del Mediterraneo”.

All’incontro con il Ministro Lazhar Bououni hanno partecipato anche i professori Giuseppe Nori, direttore del Centro d’Ateneo per i Rapporti internazionali, e Angelo Ventrone, referente d’Ateneo del progetto Macerata.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy