• Google+
  • Commenta
1 febbraio 2007

Palermo: capitale della Ragioneria ancora prima di Cartesio

Palermo capitale della teoria ragionieristica, patria d’adozione di quel gesuita Ludovico Flori che nel 1636, con il “il Trattato del modo di tenere
Palermo capitale della teoria ragionieristica, patria d’adozione di quel gesuita Ludovico Flori che nel 1636, con il “il Trattato del modo di tenere il libro doppio domestico col suo essemplare”, anticipò di un anno gran parte del celebre “Discorso sul metodo” di Cartesio. Alla ricostruzione della storia di Palermo attraverso i suoi conti, quelli tenuti dai tesorieri della città o dai mercanti, dai gesuiti o dai benedettini, in passato alla guida di floridissime aziende monastiche, è dedicato il convegno “La Ragioneria a Palermo tra storia dei fatti, delle idee e delle istituzioni”, organizzato domani e sabato dalla facoltà di Economia, nell’ambito delle iniziative del Bicentenario dell’Università. La manifestazione si aprirà

domani,
venerdì 2 febbraio
alle 9
alla facoltà di Economia
(Aula Magna)
in viale delle Scienze

Dopo i saluti del rettore Giuseppe Silvestri, del preside della facoltà di Economia Carlo Dominici, del professore di Ragioneria generale Claudio Lipari e del direttore del dipartimento di Scienze economiche Vincenzo Fazio, illustri storici ed economisti ricostruiranno la storia della Ragioneria a Palermo nel contesto economico internazionale: tra questi il presidente della Società italiana di Storia della Ragioneria, Maria Bergamin; gli storici Ninni Giuffrida e Rosario Lentini; Paolo Quattrone dell’Università di Oxford; Basil S. Yamey della London School of Economics; il presidente della Società siciliana per la Storia patria Gianni Puglisi e numerosi docenti di ambito economico e finanziario (Anna Li Donni, Francesco Vermiglio, Salvatore La Francesca, Massimo Costa, Giovanni Scalia, Michele Battaglia)
Sabato 3, alle 9, alla Biblioteca centrale della Regione siciliana, in corso Vittorio Emanuele, sarà inaugurata la mostra storica “Datum et acceptum describe” con una novantina di preziosi documenti e libri di ragioneria dal XIV al XX secolo.
I lavori proseguiranno sabato alle 11 allo Steri, con una tavola rotonda alla quale parteciperanno Carlo Sorci, ordinario di Economia aziendale; Mario Giannone, direttore amministrativo dell’Università; Gaspare Ferro, presidente del Consiglio dell’Ordine dei dottori commercialisti di Palermo; Nicolò La Barbera, presidente provinciale del Collegio dei ragionieri commercialisti; Ivan Lo Bello, presidente di Confindustria Palermo.

Google+
© Riproduzione Riservata