• Google+
  • Commenta
2 febbraio 2007

Progetto “42° parallelo”

Il Mare Adriatico diventa un punto d’unione non più solo geografico. Il progetto “42° parallelo”, infatti, vede coinvolte le regi Il Mare Adriatico diventa un punto d’unione non più solo geografico. Il progetto “42° parallelo”, infatti, vede coinvolte le regioni Puglia ed Abruzzo in un’attività di cooperazione turistica con il Montenegro. Il programma prevede una serie di scambi economici, turistici ed interculturali per creare una sorta di ponte sui territori che sono bagnati dalle stesse acque. L’Università degli Studi di Foggia avrà il compito di valorizzare e combinare le sinergie e le risorse dei comuni e dei territori interessati e che, per l’appunto, passano per il quarantaduesimo parallelo. Il Comune di Manfredonia, i territori di Monte Sant’Angelo, Mattinata, Putignano e Francavilla al Mare, grazie ai fondi comunitari “Interreg”, intenderanno svolgere un proficuo lavoro di avvicinamento alla cultura ed alle usanze dell’altra sponda adriatica, in particolare alle città di Cattaro e Podgorica. Si pensa di portare all’attenzione del turismo europeo territori che, anche geograficamente, potrebbero essere assimilabili tra loro. La proposta è un turismo tematico, così da far emergere luoghi con un’importante valore culturale, storico e paesaggistico.

Google+
© Riproduzione Riservata