• Google+
  • Commenta
20 febbraio 2007

Proporre nuove strategie educative: il progetto R.A.V.E. approda a Trieste

Dal 14 al 16 febbraio i maggiori esperti internazionali del Progetto “R.A.V.E. SPACE – Raising Awareness of Values of Space through the Process of EduDal 14 al 16 febbraio i maggiori esperti internazionali del Progetto “R.A.V.E. SPACE – Raising Awareness of Values of Space through the Process of Education” – si sono riuniti attorno a un tavolo per discutere di educazione.
I lavori si sono svolti a Trieste, nella sede del Segretariato Esecutivo dell’InCE e hanno visto la collaborazione del Dipartimento di Progettazione Architettonica e Urbana dell’Università degli studi di Trieste. Presenti al meeting anche il Ministero sloveno dell’Ambiente e della Pianificazione Spaziale, l’Università di Lubiana (Dipartimento di Geografia – Facoltà delle Arti), l’Istituto Geografico Anton Melik – GIAM (Slovenia), l’Istituto Urbano di Lubiana, la Regione delle Isole Ionie (Grecia), la Fondazione Innowacja (Polonia), l’Ufficio dei Servizi dell’Educazione del Montenegro.
Il progetto, cofinanziato dall’ dall’Unione Europea nel quadro del programma INTERREG IIIB CADSES, punta a migliorare la formazione nelle scuole primarie e secondarie, attraverso l’utilizzo di programmi e di strumenti innovativi. In particolare si punta all’inserimento di materie collegate allo sviluppo sostenibile e alla pianificazione territoriale all’interno dei programmi didattici tradizionali. Proprio la valenza internazionale del tema consente di abbattere le frontiere e di estendere l’iniziativa a tutti i Paesi europei.
Nello specifico il programma, che è stato avviato nel 2005, si articola in attività di formazione rivolte a docenti ed alunni, nella produzione e distribuzione di materiale informativo e nella realizzazione di programmi televisivi.
Nel corso dell’incontro sono stati delineati gli indirizzi delle principali attività da svolgere entro la fine del progetto, ovvero dicembre. I partecipanti hanno avuto modo anche di visitare alcuni complessi di edilizia residenziale pubblica realizzati nel capoluogo durante il ‘900 per poter approfondire alcuni aspetti relativi ai modelli abitativi e alle modalità di costruzione della città attente agli schemi della vita collettiva.

Google+
© Riproduzione Riservata