• Google+
  • Commenta
6 febbraio 2007

Stop al fondamentalismo Islamico: arriva l’università per imam moderati

In governo australiano ha deciso di stanziare denaro per combattere l’Islam radicale.
Incoraggiare alla conoscenza della religione musulmana, ep

In governo australiano ha deciso di stanziare denaro per combattere l’Islam radicale.
Incoraggiare alla conoscenza della religione musulmana, epurata dalle sue espressioni più violente. È questo l’obiettivo del governo australiano che inaugurerà il prossimo anno un centro studi islamico deputato alla formazione di imam moderati.
I corsi, coordinati da Abdullah Saeed, un accademico di Melbourne, laureatosi all’università di Medina, si terranno presso le sedi delle tre università australiane di Sydney, Melbourne e Brisbane. Si prevedono insegnamenti in grado di spaziare dalla teologia islamica, all’arte, al commercio; i corsi saranno aperti a tutte le sezioni della comunità musulmana, dai leader agli insegnanti fino ai giovani che intendono apprendere il ruolo che la religione di Maometto svolge in Australia.
Il progetto, che prevede anche l’istituzione di un comitato consultivo accademico ed uno comunitario con funzioni di supervisione, prevede un finanziamento statale di ben 5 milioni di euro.
Si tratta di un’importante sfida lanciata nei confronti dell’estremismo e della jihad, una lotta che si prospetta però lunga e difficile. I tradizionalisti mostrano tutto il loro scetticismo, nel Paese continuano gli scontri e gli estremisti divulgano filmati che incitano alla guerra santa. Ecco perché si vede necessaria la nascita di una scuola che educhi all’Islam moderato e che cerchi di strappare la popolazione dal fanatismo di certi imam.

Google+
© Riproduzione Riservata