• Google+
  • Commenta
9 febbraio 2007

Unisa: salviamo l’economia con lo sport

E’ stato annunciata con una conferenza stampa a Johannesburg oggi, la formazione di un’associazione accademica unica tra il Centro Étude du Sport

E’ stato annunciata con una conferenza stampa a Johannesburg oggi, la formazione di un’associazione accademica unica tra il Centro Étude du Sport (CIES) in Neuchâtel (Svizzera), nell’università metropolitana del Nelson Mandela (NMMU) in Port Elizabeth e dell’università de Sudafrica (UNISA) a Pretoria.
Questo aggancio convenzionale mira a fornire l’addestramento per tutti i responsabili nello sport e nei campi dell’introduzione sul mercato della legge, della finanza, dell’amministrazione, della comunicazione e dell’organizzazione degli eventi sportivi.
L’associazione è stata generata nel quadro dell’iniziativa “Vittoria della FIFA in Africa – con l’Africa”; gli obiettivi di quest’iniziativa sono quelli di stabilire programmi di lunga durata sullo sviluppo e sulla solidarietà per rinforzare il Sud Africa entro il 2010.
Joseph S. Blatter, presidente della FIFA, ha dato risalto a questa associazione, in quanto è per egli, una fase importante verso la realizzazione dei suoi obiettivi presidenziali. “Mi diletto nel vedere i nuovi responsabili FIFA contribuire con il loro addestramento, al miglioramento dello sport nel Sud Africa” dice Blatter; anche il Dott Rolf Stumpf, Vice-chancellor del NMMU, crede che questo programma deve partire dall’Università dando ai giovani un percorso di studio più appropriato, migliorando in questo modo anche il lato socio-economico della nazione Sud Africana. Questo percorso sarà attuato principalmente nell’Università degli Studi del Sud Africa (UNISA), attraverso il CIES.
Il programma si sviluppa su tre corsi di studio quali: legge, sociologia ed economia dello sport.
In questo modo lo sport potrà aiutare un paese a crescere in tutti i sensi grazie ad uno sviluppo maggiore dell’Università, che plagerà le nuove menti.

Google+
© Riproduzione Riservata