• Google+
  • Commenta
27 marzo 2007

L’università “lotta contro la povertà”

Un corso universitario multidisciplinare regionale di educazione allo sviluppo, sul tema «Lotta alla povertà e obiettivi del millennio: investiUn corso universitario multidisciplinare regionale di educazione allo sviluppo, sul tema «Lotta alla povertà e obiettivi del millennio: investire nei bambini e nelle bambine», è stato presentato ieri dall’Unicef nell’aula Aldo Moro della facoltà di Giurisprudenza. Si tratta di un corso di formazione che si terrà nelle province pugliesi a cura dell’Unicef e con le strutture delle tre università pugliesi (Bari, Foggia e Salento).
Ha inaugurato i lavori, coordinati dal presidente regionale Unicef Silvana Calaprice, il rettore Corrado Petrocelli che ha sottolineato l’importanza dell’apertura dell’Università all’esterno con gli enti locali ed anche con le altre università.
Ha fatto seguito l’assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, che ha affermato che il corso si rivolge al territorio e rientra fra i progetti finanziati per la cooperazione con l’intenzione di realizzare partnership e reciprocità in vari settori. «È un corso che ha finalità pedagogiche – ha detto Godelli – per offrire un percorso conoscitivo sulle problematiche fondamentali della convivenza. Per risolvere il problema della lotta alla povertà, che colpisce gran parte della popolazione del mondo, è necessario non solo avere uomini e donne di buona volontà e la solidarietà, ma anche un progetto politico per definire una rete nella quale anche l’Università, con la ricerca, svolga la sua parte nell’ambito della cooperazione e lo sviluppo».
In seguito, sono intervenuti Loredana Ficarelli, docente del Politecnico, che ha porto il saluto del rettore Salvatore Marzano e ha assicurato l’appoggio del Politecnico sottolineando l’attenzione per queste tematiche e per le iniziative dell’Unicef e Giovanni Zurlini, ha porto il saluto del rettore Limone dell’Ateneo leccese e ha rimarcato la necessità di «creare una nuova mentalità per affrontare la realtà complessa dei nostri giorni».
Ha concluso i lavori Roberto Salvan, direttore generale dell’Unicef Italia che ha spiegato le strategie dell’Unicef e i raccordi a livello internazionale.

Google+
© Riproduzione Riservata