• Google+
  • Commenta
20 giugno 2007

Facoltà di Medicina a Cosenza? No grazie

“La richiesta di avere una Facoltà di Medicina per Cosenza è (…) un caso esemplare di perdita di senso e di obiettivi della politica. (…“La richiesta di avere una Facoltà di Medicina per Cosenza è […) un caso esemplare di perdita di senso e di obiettivi della politica. (…) L’argomento mi costringe a tornare nuovamente su un concetto già espresso: la Facoltà di Medicina di Catanzaro è un punto di alta qualità non soltanto per la città capoluogo della regione, ma per la Calabria intera; funziona benissimo ed è un punto di cui andare orgogliosi.” Queste le parole indignate di Giuseppe Guerriero, Presidente della Commissione Regionale Antimafia, interrogato sull’amara questione dell’aprire o meno una Facoltà di Medicina nella città di Cosenza. “A mio avviso – continua Guerriero, insistendo sulla corretta funzionalità della vicina struttura di Catanzaro – occorre smetterla con la demagogia ed il populismo a basso prezzo e ragionare in termini di sistema-regione; senza parlare dell’immensa disponibilità finanziaria che l’istituzione di un’altra Facoltà di Medicina richiederebbe e che finirebbe con il gravare sulle casse della sanità della nostra regione che, certo, non vive la sua stagione migliore. (…)Qual è la necessità effettiva di una nuova facoltà di Medicina quando, a soli cento chilometri da Cosenza, quella di Catanzaro risponde benissimo alle esigenze?”

Google+
© Riproduzione Riservata