• Google+
  • Commenta
9 giugno 2007

Unipi: approvato il nuovo regolamento sulla contribuzione degli studenti

PISA. Il Consiglio di Amministrazione dell’Università di Pisa, nella seduta del 5 giugno 2007 ha approvato a larghissima maggioranza (11 voti
PISA. Il Consiglio di Amministrazione dell’Università di Pisa, nella seduta del 5 giugno 2007 ha approvato a larghissima maggioranza (11 voti favorevoli su 13) il nuovo regolamento sulle contribuzioni degli studenti per l’anno accademico 2007-2008. Il provvedimento approvato va in direzione di una maggiore tutela e protezione degli studenti provenienti da fasce economiche a basso reddito.
Le fasce economiche, passano da tre a quattro e il limite di massima riduzione viene esteso da 10 a 15000 euro (ovviamente secondo parametro ISEE, l’indicatore di situazione economica equivalente, che analizza sia reddito sia patrimonio valutando così il grado di benessere di una famiglia). Nel precedente sistema la prima fascia era fino a 10.000 euro, la seconda da 10.000 a 50.000 euro e la terza andava oltre i 50.000 euro; nel sistema appena approvato la prima fascia comprende fino a 15.000 euro, la seconda da 15.000 a 40.000, la terza da 40.000 a 56.000 e la quarta va oltre i 56.000 euro. E’ previsto un aumento dell’importo massimo della contribuzione, da 1498 a 1830 euro, ma cresce anche l’importo massimo di riduzione per reddito, da 1.240 a 1.572 euro, e viene mantenuto il tetto di riduzione per merito a 258 euro.
Con il nuovo sistema approvato dal Consiglio di Amministrazione, l’importo della contribuzione viene ridotto per tutti gli studenti che hanno un ISEEU (ISEE Università) tra i 15.000 e i 30.000 euro. Sommando questi studenti a quelli della prima fascia è stato calcolato che da ora in poi pagheranno meno tasse circa 17.000 studenti sui 21.000 che ogni anno presentano la richiesta di riduzione delle tasse. Per gli studenti che hanno un ISEEU compreso tra 30 e 40.000 euro è previsto un aumento progressivo della contribuzione, fino a un massimo del 10% rispetto allo scorso anno; per quelli con un ISEEU da 40 a 50.000 un aumento costante del 10% e per coloro che hanno un ISEEU sopra i 56.000 euro un aumento di circa il 26%. Insieme alla rimodulazione del sistema per la contribuzione studentesca, il Consoglio di Amministrazione ha approvato una serie di misure dirette ad agevolare, soprattutto dal punto di vista economico, i suoi studenti: l’aumento della riduzione per fuori sede dal 10% dello scorso anno all’attuale 15% e la possibilità di una riduzione del 5% per altri familiari iscritti all’Ateneo pisano; l’estensione della possibilità di presentare il RID in ritardo, arrivando fino alla data di pagamento della seconda rata delle tasse, e l’estensione della riduzione anche per il conseguimento di un ulteriore titolo accademico di minore o uguale livello, la conclusione della carriera in corso d’anno con il pagamento delle sole tasse scadute. Ovviamente nella seduta del Consiglio di Amministrazione è stata tenuta in debita considerazione la drastica compressione delle risorse che il Ministero destina agli atenei e la conseguente fase di difficoltà finanziaria che caratterizza il sistema universitario italiano. Tra le altre cose, l’Università ha valutato inoltre che dall’anno accademico 2004-2005 la contribuzione massima non ha subito aumenti significativi; che nel 2005-2006 non si è registrato alcun aumento e che è stata effettuata la sperimentazione dell’applicazione dell’ISEE, secondo un percorso che è stato richiamato come un esempio dagli stessi studenti degli Atenei vicini; che nel 2006-2007 è stata applicata integralmente la normativa ISEE con esiti più che soddisfacenti e senza che ciò comportasse una flessione delle domande di riduzione delle tasse; che rimane costante l’attenzione per le fasce economicamente più deboli e che viene confermato il basso regime di tassazione rispetto agli altri atenei comparabili con Pisa; che la contribuzione comprende la globalità dei servizi, senza che siano previsti oneri aggiuntivi per servizi accessori, e che nell’ultimo periodo l’Ateneo ha investito ingenti risorse finanziarie per potenziare i servizi rivolti agli studenti e per realizzare progetti innovativi. La proposta per il nuovo Regolamento sulla contribuzione degli studenti era già stata approvata in Commissione Didattica, dove era stato sottolineato l’obiettivo principale di tutelare le situazioni economiche più deboli, ed era stata recepita positivamente dal Consiglio degli Studenti, condizionandola alla attuazione di un piano di azione mirato, dettagliato e finalizzato a un uso più razionale delle risorse disponibili.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy