• Google+
  • Commenta
31 luglio 2007

Da Siena una nuova speranza per i diabetici

Cellule staminali del pancreas capaci di produrre insulina. Questo è il risultato raggiunto da alcuni ricercatori dell’Università di SieCellule staminali del pancreas capaci di produrre insulina. Questo è il risultato raggiunto da alcuni ricercatori dell’Università di Siena coordinati dal professor Vincenzo Sorrentino. Gli scienziati, il cui lavoro è in pubblicazione sulla rivista Cell Death and Differentiation, sono riusciti a dimostrare che è possibile isolare dalle isole pancreatiche di soggetti umani adulti una popolazione di cellule che possono essere cresciute in laboratorio e che hanno la capacità di differenziarsi in diversi tipi cellulari, tra cui cellule adipose, cellule ossee e cartilagine. L’ identificazione di queste cellule staminali nel pancreas umano apre dunque la strada allo sviluppo di terapie da utilizzare in soggetti affetti da gravi forme di diabete, basate sul trapianto di cellule in grado di produrre insulina. Questi risultati sono il risultato del lavoro incrociato tra l’Università degli Studi, l’Azienda Ospedaliera e il Sistema Sanitario Regionale Toscano e sottolineano come sia possibile ottenere risultati di grande spessore grazie ai finanziamenti assegnati ai progetti e al lavoro dei ricercatori che operano presso queste strutture.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy