• Google+
  • Commenta
19 luglio 2007

Quanto contano i curriculum?

Si fa una corsa forsennata a sostenere, nel minor tempo possibile, tutti gli esami previsti dai propri piani di studio, e una volta giunti in sede d
Si fa una corsa forsennata a sostenere, nel minor tempo possibile, tutti gli esami previsti dai propri piani di studio, e una volta giunti in sede di discussione (ma anche prima) già si deve iniziare a fare un pensierino agli innumerevoli curriculum da inviare alle aziende in cerca di “carne fresca” da assumere. E se ci dicessero che il curriculum ha sì la sua importanza, ma non è fondamentale ai fini dell’eventuale assunzione? E’ quello che si evince da una ricerca condotta dal “Gruppo intersettoriale direttori del personale” su 120 selezionatori di aziende medio-grandi. Infatti, circa il 65% dei recruiter aziendali ha ammesso di selezionare i propri candidati anche in base alle loro referenze (ad esempio quelle dei colleghi e dei conoscenti). Per non parlare del momento cruciale del colloquio: non conta tanto l’abbigliamento, ci dice la ricerca, quanto piuttosto la puntualità, la comunicazione non verbale e, perché no?, anche il cellulare spento.

Google+
© Riproduzione Riservata